Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1942

Il Comitato Unitario d'Azione Antifascista

Nell'appartamento di Corrado Martini, in via San Vitale 42, si tiene una riunione della sinistra antifascista. Partecipano Leonida Roncaglia, Paolo Betti e Leonildo Tarozzi per il P.C.I., Alberto Trebbi e Verenin Grazia per il P.S.I., Paolo Fabbri, Fernando Baroncini, Renato Tega e Giovanni Pilati per i socialisti riformisti del M.U.P.

Nel corso del dibattito riaffiorano i vecchi rancori, che hanno condotto in passato alla divisione della compagine socialista, ma alla fine i dissensi vengono accantonati ed è stabilito un patto di collaborazione in nome della lotta contro il comune nemico nazifascista.

Si costituisce il Comitato Unitario d'Azione Antifascista, primo nucleo del futuro CLN. Ne fanno parte Baroncini, Tarozzi e Trebbi. Ha sede in via Castiglione 21 nello studio di Baroncini.

Nella primavera del 1943, con l'adesione del Partito d'Azione e l'ingresso a titolo personale di attivisti cattolici e repubblicani, il Comitato d'Azione Antifascista si trasformerà nel Comitato "Pace e Libertà" - chiamato anche “Quadripartito” - e sarà costituito un organismo militare guidato dal comunista Mario Peloni.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Luigi Arbizzani, Antifascismo e lotta di Liberazione nel Bolognese. Comune per comune, Bologna, ANPI, 1998, p. 12
  • Marzia Maccaferri, Paolo Pombeni, I partiti politici durante la “Prima Repubblica”, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 634
  • Nazario Sauro Onofri, I socialisti bolognesi nella Resistenza, Bologna, Edizioni La Squilla, stampa 1965, p. 13
  • La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, pp. 26-28
  • Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 7