Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1940

Si costituisce la Società anonima Poligrafici "Il Resto del Carlino"

Si costituisce la Società anonima Poligrafici “Il Resto del Carlino”, con capitale di un milione di lire, quasi interamente sottoscritto dall'ing. Aurelio Manaresi, cognato di Dino Grandi.

Manaresi acquisterà poco dopo dal Partito Fascista l'azienda editrice del giornale. Dopo il raddoppio del capitale da parte di Grandi, nel 1941 verrà rilevato anche il nuovo stabilimento di via Dogali.

Il 15 novembre 1940 si dimetterà il direttore politico Armando Mazza, a suo tempo nominato dal Partito Fascista e gli succederà Giovanni Telesio, conosciuto da Grandi a Londra quale addetto stampa dell'Ambasciata italiana.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La sede del "Resto del Carlino" in via Dorgali - Fondo Nino Comaschi... La sede del "Resto del Carlino" in via Dorgali - Fondo Nino Comaschi...

Approfondimenti:

  • Ugo Bellocchi, Il Resto del Carlino, giornale di Bologna, Bologna, Il Resto del Carlino, 1973, pp. 150-152
  • Gabriele Bonazzi, Bologna nella storia, Bologna, Pendragon, 2011, vol. II, Dall'Unità d'Italia agli anni Duemila, p. 122
  • Paolo Nello, Dino Grandi, Bologna, Il mulino, 2003