Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1939

La Caserma della GIL

In piazza XX Settembre, nei pressi del ponte ferroviario di porta Galliera, è inaugurata il 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma, la nuova caserma della Gioventù italiana del Littorio (GIL), detta anche la Casa del Balilla, costruita a partire dal gennaio 1935 su progetto dell'ing. Luciano Petrucci, allievo di Attilio Muggia e collaboratore di Umberto Costanzini.

Alle dirette dipendenze del segretario del partito fascista (PNF), la Gioventù italiana del Littorio (GIL), è stata istituita nel 1938. Organizza le associazioni prima raccolte nell'Opera Nazionale Balilla (ONB), dando loro un inquadramento militare. Nel paese conta quasi otto milioni di iscritti.

La Casa della GIL bolognese appare "sobria ed austera" e l'ingresso, con la snella pensilina sostenuta da quattro agili colonne, "ha un che di militare".

Ospita i comandi delle organizzazioni giovanili fasciste e un centro ginnico con palestra e piscina. Ha una grande sala per adunanze di 220 mq.

L'edificio, in parte danneggiato dai bombardamenti durante la guerra mondiale, sarà abbattuto nel 1955 per ricavarne il piazzale dell'autostazione.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

ripr. Fotofast - Casa Gioventù Italiana Littorio - s.a. - CAF, Fondo Bologna Un gruppo di balilla schierati in via Irnerio durante una visita di Renato... Targa della GIL Stemma in pietra della Gioventù Italiana del Littorio (GIL) Gagliardetto della Gioventù Italiana del Littorio (GIL) La caserma della GIL di Bologna - piazza XX Settembre - Fonte: Biblioteca...

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Giancarlo Benevolo, Porta Galliera e le fortezze papali: reperti e testimonianze di un'area in trasformazione, in: Ricerche sulla Montagnola di Bologna. Le fortezze papali, le ghiacciaie, i rifugi antiaerei, a cura di Giancarlo Benevolo e Massimo Brunelli, San Giovanni in Persiceto, Maglio, 2013, p. 30 (foto)
  • Giancarlo Bernabei, La Montagnola di Bologna. Storia di popolo, Bologna, Pàtron, 1986, p. 70, 144, 146
  • Maria Beatrice Bettazzi, Fra razionalismo e retorica monumentale. Gli anni tra le due guerre, in: Rinnovare Bologna. Tra '800 e '900, a cura di Angelo Varni, Bologna, Bononia University Press, 2019, pp. 48-50 (ill.)
  • La Bologna dell'UISP. Sportpertutti e per tutta la vita 1948-2008, a cura di Bruno Di Monte, Franco Vannini, Bologna, Minerva, 2008, p. 17 (foto)
  • Bologna fotografata. Tre secoli di sguardi, Bologna, Edizioni Cineteca, 2017, p. 23 (foto)

  • Nino Comaschi, Bologna anni Trenta. La piccola città d'un fotografo borghese, scritti di Franco Cristofori con una testimonianza di Giorgio Comaschi, Sala Bolognese, A. Forni, 1984, pp. 52-54
  • Tiziano Costa, Bologna mai vista. 200 foto segrete, Bologna, Costa, 2009, p. 138 (foto)
  • Giuliano Gresleri, La costruzione dell'architettura a Bologna nell'età di Giuseppe Vaccaro, in Giuseppe Vaccaro. Architetture per Bologna, a cura di Maristella Casciato, Giuliano Gresleri, Bologna, Compositori, 2006, p. 17
  • Giuliano Gresleri, La costruzione della città e dell'architettura tra le due guerre, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 232
  • Paolo Lipparini, Luciano Petrucci e il Palazzo della G.I.L. a Bologna, in: "Strenna storica bolognese", 2000, pp. 333-343
  • Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, p. 401 (L. Petrucci)
  • Monica Roncarati, L'edifiicio della GIL, in: Via Indipendenza. Sviluppo urbano e trasformazioni edilizie dall'Unità d'Italia alla Seconda guerra mondiale, a cura di Maria Beatrice Bettazzi, Elda Brini, Paola Furlan, Matteo Sintini, Bologna, Paolo Emilio Persiani, 2017, p. 158
  • La storia d'Italia, Roma, La Biblioteca di Repubblica, 2005, vol. 25, Cronologia, p. 398