Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1939

La precaria sopravvivenza dell'organizzazione comunista tra arresti e condanne

Tra il 1938 e il 1939 212 bolognesi sono processati per costituzione, appartenenza e propaganda del partito comunista. Tra i 165 condannati vi sono numerosi dipendenti dell'Azienda tranviaria e di quella del gas.

La difficoltà a mantenere viva l'organizzazione illegale e clandestina del PCdI in questi anni è testimoniata anche dai frequenti cambi alla sua guida: ad Arturo Vignocchi, primo segretario nel 1921, si affiancano Luigi Gaiani, Bruno Monterumici, Dalife Mazza, Leonida Roncagli, Celso e Umberto Ghini.

La strategia del partito prevede una sempre maggiore penetrazione nelle fabbriche cittadine, anche occupando ruoli di rilievo in strutture legali del fascismo.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

La Resistenza, il fascismo, la memoria. Bologna 1943-1945, a cura di Alberto De Bernardi e Alberto Preti, Bologna, Bononia University Press, 2017, pp. 18-19