Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1936

Il Palazzo del Gas e il fregio di Giorgio Giordani

Viene costruito il Palazzo del Gas, opera di Alberto Legnani e Luciano Petrucci, in sostituzione dell'antica “punta del Morando”. Era questo il nome tradizionale del casamento a punta al culmine di borgo Casse, ricordato in documenti del XIII secolo.

Demolito nel 1933, ha lasciato il posto a una piazzetta, intitolata nel 1935 ai Caduti fascisti e all'edificio che fa da caposaldo della nuova via Roma, dotato di una forte identità e ricco di suggestioni moderniste.

Si nota in particolare l'ultimo piano arretrato, con un bar collegato direttamente a terra tramite ascensore e un grande terrazzo da cui è possibile godere il panorama della città.

Sopra l'alto portico del palazzo corre continuo un fregio plastico a bassorilievo in marmiglio (impasto di marmo e cemento), opera dello scultore Giorgio Giordani (1905-1940).

E' dedicata al ciclo del gas, alla sua produzione dal carbone, alla trasformazione nell'Officina e all'uso pubblico e privato. Nell'ambito dell'utilizzo domestico lo scultore mette in evidenza due veri e propri simboli di progresso della condizione sociale del periodo: la cucina economica e la vasca da bagno servita di acqua calda.

Per il resto, protagonisti sono gli uomini, i lavoratori ritratti nella fatica e nello sforzo, dotati di fisico possente, ma lontani da ogni retorica.

Al centro della fiancata di via Marconi lo stemma antico del Comune anticipa il paesaggio industriale dell'Officina, che fa da sfondo all'opera "come un orizzonte di produttività e di benessere" (Contini).

Sulla facciata il fregio è intervallato da due motti di Mussolini: a sinistra "Il nostro è il secolo della gloria e della esaltazione del lavoro", a destra "Senza la luce dello spirito nessuna opera è duratura e profonda".

Fonti della notizia:

consulta

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Alberto Legnani, a cura di Stefano Zironi e Fulvia Branchetta, Sala Bolognese, A. Forni, 1994, pp. 50-55
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, pp. 130-131
  • Emilio Contini, I bassorilievi del Palazzo del Gas. Scultore Giorgio Giordani, in: Quando l'arte andava in fabbrica. I pittori e l'Officina del gas, catalogo a cura di Emilio Contini, Bologna, ACOSER, 1991, pp. 139-146 (foto)
  • Federica Legnani, Via Roma, 1936-1937, in: Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, pp. 286-297
  • Giorgio Ruggeri, Due vite parallele. Angelo e Giorgio Giordani, Bologna, Edizioni del Sagittario, stampa 1981