Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1935

Nel cortile di Palazzo d'Accursio è collocata una copia in bronzo dell'Augusto di Prima Porta

Un provvedimento di Mussolini assegna alla città di Bologna una copia in bronzo dell'Augusto di Prima Porta. Si tratta della statua più famosa di questo imperatore, trovata nella villa della moglie Livia sulla via Flaminia, poco fuori Roma, e conservata ai Musei Vaticani.

La statua è destinata alla nuova piazza dedicata ad Augusto, da edificare all'imbocco di via Roma (ora via Marconi). Provvisoriamente viene collocata su un piedistallo al centro del Cortile d'Onore di Palazzo d'Accursio.

Secondo l'epigrafe incisa nel basamento "La tradizione romana della città della Legio rivive nel dono di Benito Mussolini duce del fascismo, fondatore del rinato Impero romano". Dopo la Liberazione verrà rimossa e abbandonata nel cortile di un palazzo in via Benedetto XIV.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Copia della statua di Augusto di Prima Porta conservata davanti alla basilica...

Approfondimenti:

  • Giuliano Gresleri, La costruzione dell'architettura a Bologna nell'età di Giuseppe Vaccaro, in Giuseppe Vaccaro. Architetture per Bologna, a cura di Maristella Casciato, Giuliano Gresleri, Bologna, Compositori, 2006, p. 22
  • Giuliano Gresleri, La costruzione della città e dell'architettura tra le due guerre, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 243
  • Gianfranco Paganelli, Bologna ricorda 1998. Ricerca sulle lapidi esterne situate entro la cerchia delle mura conclusasi nel dicembre 1997, Bologna, Centro sociale anziani Santa Viola, stampa 1998, p. 68
  • Oriano Tassinari Clò, La "damnatio memoriae" sulle epigrafi di regime, in "Strenna storica bolognese", (1992), p. 384 sgg.
  • (foto): Gastone Mazzanti, Obiettivo Bologna "Open the doors: bombs away!". Dagli archivi segreti angloamericani i bombardamenti della 2. guerra mondiale, Bologna, Costa, 2001, p. 263