Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1935

La Mostra nazionale dell'Agricoltura ai giardini Margherita

Ai giardini Margherita si tiene dal 12 maggio al 30 giugno la Mostra nazionale dell'Agricoltura, la prima ordinata per corporazioni. Il coordinamento è dell'architetto bolognese Melchiorre Bega (1898-1976) e i padiglioni sono tutti realizzati da architetti modernisti.

Bega è anche autore anche degli ingressi e del bar-ristorante “Acquario” sulle rive del lago. In occasione della Mostra, infatti, l'isolotto sul laghetto viene ampliato e lo chalet rifatto in stile moderno.

Florestano Di Fausto (1890-1965) cura il progetto di massima dell'allestimento, Gianluigi Giordani (1909-1979) è responsabile del padiglione della Bonifica integrale, cui collaborano lo scultore Luciano Minguzzi e diversi altri artisti.

Marcello Nizzoli (1887-1969), con la partecipazione di Marcello Dudovich e altri, progetta il padiglione centrale. Aldo Pini è autore del padiglione della corporazione dello zucchero e delle bietole.

In un edificio, che richiama il funzionalismo tedesco, viene ospitata una mostra di bassorilievi sulla costruzione della ferrovia Direttissima.

A giugno viene riproposta, nel corso della Mostra, un'antica tradizione bolognese: il corso dei fiori. Una sfilata di carri riccamente decorati transita tra due ali di spettatori paganti. L'esposizione è visitata il 25 maggio dal re Vittorio Emanuele III.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lo chalet dei giardini Margherita oggi Il laghetto dei giardini dall Panchine circolari accanto al laghetto dei Giardini Margherita (BO) Quando sul lago dei Giardini Margherita si andava in barchetta Manifesto di M. Dudovich per la Mostra Nazionale di Agricoltura - Bologna 1935 Il laghetto dei Giardini Margherita in inverno

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, p. 129
  • Bologna. Architettura, città, paesaggio, a cura di Pierluigi Giordani, Giuliano Gresleri, Nicola Marzot, Roma, Mancosu, 2006, p. 132
  • Bologna 1935: la scoperta del Settecento bolognese. Dalla mostra al museo, a cura di Carla Bernardini, Ferrara, Edisai, 2008, p. 21
  • Bologna in camicia nera. Le cerimonie, le adunate e le celebrazioni del ventennio sotto le due torri, Bologna, Pendragon, 2006, pp. 49-50 (foto)
  • Gioia Cacciari, Gian Luigi Giordani e la diaspora bolognese, in Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, pp. 299-307
  • Alessandro Cervellati, Bologna al microscopio, Bologna, Edizioni aldine, vol. 1., Usi, costumi, tradizioni, 1950, pp. 31-32

  • Tiziano Costa, Bologna '900. Vita di un secolo, 2. ed., Bologna, Costa, 2008, p. 113
  • Silvia Cuttin, Adriano Agrillo, I Giardini Margherita. Storia, racconti, immagini, Bologna, Pendragon, 2008, pp. 40-41
  • Ente Autonomo per le Fiere di Bologna, Una vetrina sul mondo. Storia per immagini della Fiera di Bologna, Bologna, L'Inchiostroblu, 1991, p. 27 (foto)
  • Figure, luoghi, mestieri, cronaca. Un secolo di vita bolognese nell'archivio dei fratelli Camera, a cura di Alessandro Molinari Pradelli, Bologna, Nuova Alfa, 1989, pp. 156-159
  • David Sicari, Il mercato più antico d'Italia. Architetture e commercio a Bologna, Bologna, Editrice Compositori, 2004, pp. 68-69
  • Luciano Valente, Il passeggio Regina Margherita, Bologna, Comune di Bologna, 1986, pp. 41-51, 55
  • Athos Vianelli, Bologna in controluce. Storie e curiosità fra un secolo e l'altro, Bologna, Inchiostri, 2001, p. 137
  • Stefano Zagnoni, Presenza razionalista in Emilia-Romagna. I protagonisti e le opere, in "Parametro", n. 94-95 (1981), pp. 35-36, 67 (foto)
  • Stefano Zironi, Melchiorre Bega architetto, Milano, Domus, 1983, p. 28, (foto) 26, 31