Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1928

Le carrozzine e le biciclette Giordani

Nel 1928 la ditta Giordani comincia a costruire carrozzine per bambini su scala industriale e con criteri moderni.

Raffaele Giordani, fabbro ferraio con bottega in via San Vitale, aveva iniziato dal 1885 a produrre velocipedi. Il figlio Pietro aveva continuato l'attività in via Foro Boario, aggiungendo la produzione di tricicli per bambini.

Nel 1911, alla sua morte, i nipoti avevano trasferito la ditta in via Ronzani: ai fortunati tricicli si erano aggiunti attrezzi per giardino, carrozzine per bambole, ferramenta per infissi.

Dagli anni Trenta, assieme alle carrozzine e a piccole automobili a pedali, la ditta Giordani fabbricherà la “ciclobalilla”, una biciclettina dotata di stabilizzatori laterali (le "ruotine").

Divenuta famosa in Italia per i suoi brevetti, alla vigilia della guerra, l'officina di via Niccolò dell'Arca darà lavoro a circa 500 persone.

Dopo le distruzioni belliche, riprenderà nel 1946 la produzione e l'esportazione nel mondo di carrozzine e giocattoli, adottando forme avanzate di produzione a catena.

Dal 1961 inaugurerà un nuovo stabilimento, per 1.000 operai, a Casalecchio di Reno.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Automobilina a pedali Giordani - 1960 ca Automobilina a pedali Giordani - 1960 ca Triciclo Giordani - 1960 ca Triciclo Giordani - 1960 ca Automobile Giordani - Inizio 900 - Museo del Patrimonio industriale (BO) Triciclo Giordani  - Inizio 900 - Museo del Patrimonio industriale (BO) Pubblicità della ditta Giordani - Museo del Patrimonio industriale (BO) Macchinina Giordani - 1960 ca Marchio Giordani Triciclo Giordani - 1960 ca

Approfondimenti:

  • Aldo Berselli, I protagonisti dello sviluppo industriale, in Bologna 1937-1987. Cinquant'anni di vita economica, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna, 1987, p. 125
  • I luoghi dell'industria fra trasformazione urbana e abbandono, fotografie di Ivano Adversi, Bologna, Editrice Socialmente, 2013, p. 70 (foto)
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 227
  • La ruota e l'incudine. La memoria dell'industria meccanica bolognese in Certosa, a cura di Antonio Campigotto, Roberto Martorelli, Bologna, Minerva, 2016, pp. 124-127
  • Lo Studio Villani di Bologna. Il più importante atelier fotografico italiano del XX secolo tra industria, arte e storia, a cura di Vera Zamagni (…) , Bologna, Poligrafici editoriali, 2014, p. 92 (foto)