Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1928

Il Velocino, rivoluzionaria bicicletta

Il rag. Ernesto Pettazzoni, definito l'enfant prodige del commercio bolognese - nel suo negozio di via D'Azeglio n. 16 si distingue per spregiudicate vendite a rate di biciclette, motorini e abbigliamento sportivo - inventa il Velocino, singolare velocipide con il sellino sulla ruota posteriore e il manubrio ripiegato all'indietro.

Si tratta di una delle prime biciclette facilmente pieghevoli e trasportabili. Nello stesso tempo è un veicolo adattabile a diverse tipologie di clienti (anche ai bambini e alle signore) e a diversi usi: montando un portapacchi sulla ruota posteriore può ad esempio diventare una robusta bicicletta da carico.

Pettazzoni è anche l'Inventore della sedia a sdraio. Morirà suicida nel 1947, dopo il fallimento della sua azienda.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Esemplare di velocino al museo Davia Bargellini (BO) - 2014 Il Velocino disegnato da Benois Preteseille - Museo Davia Bargellini (BO) - 2105

Approfondimenti:

  • Agli albori del ciclismo bolognese. Agonismo, turismo e quotidianità tra '800 e '900, a cura di Silvia Battistini, Alessandro Fanti, Giuliana Bertagnoni, Bologna, Bononia University Press, 2013, pp. 56-57
  • Dino Biondi, Il Resto del Carlino 1885-1985. Un giornale nella storia d'Italia, Bologna, Poligrafici Editoriale, 1985, p. 175 (Trilussa fotografato sul Velocino)
  • Franco Cristofori, Vecchia e cara Bologna. Detti e motti del dialetto bolognese con le più belle cartoline d'epoca, Bologna, Edizioni Pendragon, 1998, p. 131 (illustrazione)