Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1925

La casa editrice e la libreria Patron

Con il nome di Grafolito nasce, per opera di Riccardo Patron, una casa editrice, che ha per scopo principale la pubblicazione degli appunti e delle dispense dei professori delle Università di Bologna e Padova.

Nel tempo, assunta la denominazione Patron, la ditta muterà notevolmente la propria veste editoriale, arricchendo il catalogo con opere di illustri docenti, come il glottologo Carlo Tagliavini e la medievista Gina Fasoli, e con traduzioni di saggi stranieri.

Nel 1958 in via Zamboni, accanto alla Facoltà di Lettere, sorgerà la Libreria Patron, che diverrà un punto di incontro quotidiano per tanti docenti dell'Università.

Alcuni anni più tardi la casa editrice sarà trasferita a Quarto Inferiore, mentre la libreria sarà sistemata sempre in via Zamboni, a poche decine di metri dalla sede precedente.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La libreria Patron in piazza Verdi (BO) Targa della editrice Patron - via Marsala (BO)

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Lora Pardini Petroni, La Casa editrice Patron, in: F.I.L.D.I.S., Cenacoli a Bologna, Bologna, L. Parma, 1988, pp. 89-92
  • Gianni Sofri, Università e editoria dall’Unità ai giorni nostri, in L'Università a Bologna. Maestri, studenti e luoghi dal XVI al XX secolo, a cura di Gian Paolo Brizzi, Lino Marini, Paolo Pombeni, Bologna, Cassa di Risparmio in Bologna - Cinisello Balsamo, A. Pizzi, 1988, pp. 138-139
  • Gianfranco Tortorelli, Il torchio e le torri. Editoria e cultura a Bologna dall'Unità al secondo dopoguerra, Bologna, Pendragon, 2006, pp. 185-259

Internet: