Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1924

Sistemazione di piazza XX Settembre

Il consiglio comunale approva la sistemazione definitiva di piazza XX Settembre. Così, nel 1909, è stata intitolata dal Comune l'area di porta Galliera.

I primi tentativi di modificarla risalgono alla metà dell’800, al periodo della costruzione della stazione ferroviaria.

Nel progetto di via Indipendenza di Coriolano Monti (1861) rientrava una piazza monumentale, che fungesse da ingresso alla stazione e accesso alla Montagnola. Le moli laterali della barriera posta al termine del nuovo rettilineo, erano la porta seicentesca e i ruderi della rocca di Galliera.

Accantonato il progetto Monti, la discussione sulla sistemazione della piazza era ripresa in occasione della costruzione della scalea della Montagnola (1893-1896).

Allora fu previsto l’abbattimento della rocca e della porta. Entrambe i monumenti furono difesi dalla Deputazione di Storia Patria, presieduta da Giosue Carducci.

La nuova piazza sarà una delle priorità della giunta fascista: ad essa sarà destinato il 13,5% del bilancio comunale per il 1925.

Tra i lavori effettuati nell'area, tra il 1924 e il 1926, vi saranno il nuovo ponte di Galliera sulla ferrovia, in asse con via Indipendenza, e la tombatura del canale davanti all'antica porta.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Piazza XX Settembre (BO) - 2019

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Giancarlo Benevolo, Porta Galliera e le fortezze papali: reperti e testimonianze di un'area in trasformazione, in: Ricerche sulla Montagnola di Bologna. Le fortezze papali, le ghiacciaie, i rifugi antiaerei, a cura di Giancarlo Benevolo e Massimo Brunelli, San Giovanni in Persiceto, Maglio, 2013, pp. 29-30
  • Giancarlo Bernabei, La Montagnola di Bologna. Storia di popolo, Bologna, Patron, 1986, pp. 47-49, 67-70, 142
  • Pier Paola Penzo, Per il raccordo stazione-città. Episodi urbani e architetture intorno al piazzale XX Settembre (1859-1939), in Bologna centrale. Città e ferrovia tra metà Ottocento e oggi, a cura di Riccardo Dirindin, Elena Pirazzoli, Bologna, CLUEB, 2008, pp. 49-92