Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1924

La biblioteca della Casa del Fascio

Collocata in un prestigioso salone rinascimentale, è inaugurata la biblioteca della Casa del Fascio. E' aperta al pubblico per 12 ore al giorno, dalle 12 alle 24. E' accessibile a tutti e contiene un notevole patrimonio di periodici e opere generali.

Secondo il promotore Arpinati, essa deve essere “ricca e varia, perchè il Fascismo crede profondamente nel sapere, che deve essere una ragione italica nelle civiltà”.

Assieme all'Università fascista e alle conferenze di cultura politica, la biblioteca è il luogo deputato all'educazione dei giovani.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Brunella Dalla Casa, Leandro Arpinati. Un fascista anomalo, Bologna, Il mulino, 2013, p. 126, 131
  • Valerio Montanari, La pubblica lettura a Bologna: dalla libreria Zambeccari alle biblioteche di quartiere, in "Il Carrobbio", 7 (1981), p. 312
  • Pier Paola Penzo, L'urbanistica incompiuta. Bologna dall'età liberale al fascismo, 1889-1929, Bologna, CLUEB, 2009, p. 119