Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1924

L'ACMA di Gaetano Barbieri

L'imprenditore Gaetano Barbieri (1881-1959) fonda in una piccola officina di via Lame l'Anonima Costruzioni Macchine Automatiche (A.C.M.A.), impresa nata per meccanizzare il confezionamento della polvere Idrolitina, prodotta da Arturo Gazzoni. Dal 1927 vi opera Bruto Carpigiani (1903-1945), caposcuola riconosciuto dei tecnici e progettisti del settore. Suo è il famoso brevetto della ruota "a zeta", applicata nella macchina ACMA 749 per gli incarti di caramelle. Nel 1929 la ditta si trasferirà nel nuovo stabilimento di via Fioravanti, nei pressi della stazione ferroviaria. L'assunzione nel 1936 di Giuseppe Clerico (1884-1948), proveniente dall'Olivetti, permetterà la formazione all'interno dell'azienda di un secondo gruppo progettuale, accanto a quello dell'"ingegnere" Carpigiani. Fino quasi alla guerra l'ACMA è l'unica impresa italiana ad occuparsi di packaging. Nel secondo dopoguerra molti tecnici formatisi nell'azienda costituiranno nuove imprese, determinando per gemmazione un sistema di officine, tutte dedite alla produzione e sviluppo di apparati per l'imballaggio e il confezionamento. Il comparto delle macchine automatiche sarà uno dei cardini dell'industria meccanica a Bologna.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • ACMA GD (1924-1994), Bologna, ACMA, 1994
  • Aurelio Alaimo, Vittorio Capecchi, L'industria delle macchine automatiche a Bologna: un caso di specializzazione flessibile, in Distretti imprese classe operaia, l'industrializzazione dell'Emilia Romagna, a cura di Pier Paolo D'Attorre e Vera Zamagni, Milano, F. Angeli, 1992, pp. 193-200, 207-208
  • Archeologia industriale in Emilia Romagna Marche, a cura di Giorgio Pedrocco e Pier Paolo D'Attorre, Cinisello Balsamo, Silvana, 1991, p. 133 sgg.
  • Bologna 1937 - 1987. Cinquant'anni di vita economica, a cura di Fabio Gobbo, Bologna, Cassa Di Risparmio in Bologna, 1987, p. 134
  • Roberto Curti, Maura Grandi, Meccanopackaging, in "Scuolaofficina. Periodico di cultura tecnico-scientifica", 2 (2001), pp. 24-28
  • Dizionario dei bolognesi, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1989-1990, vol. 1., p. 21

  • Fare macchine automatiche. Storia e attualità di un comparto produttivo, 1920-1990, Bologna, Grafiche Galeati, 1994
  • Maura Grandi, Alberto Guenzi, Una museografia del patrimonio industriale, in Il patrimonio industriale in Emilia-Romagna, atti della giornata di studi di Bologna (2 dicembre 2009), a cura di Massimo Tozzi Fontana, Enrico Chirigu, Narni, CRACE, 2011, p. 55
  • Giorgio Pedrocco, Bologna industriale, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, pp. 1052-1055
  • Per niente fragile. Bologna capitale del packaging, a cura di Roberto Curti e Maura Grandi, Bologna, Compositori, 1997, pp. 39-49, 63-66
  • La ruota e l'incudine. La memoria dell'industria meccanica bolognese in Certosa, a cura di Antonio Campigotto, Roberto Martorelli, Bologna, Minerva, 2016, pp. 37, 70-72
  • Toni Selva, Storia d'impresa, in "Bologna ieri, oggi, domani", 23 (1994), pp. 95-97
  • Antonio Selvatici, Arturo Gazzoni industriale frizzante come la sua "Idrolitina", in "Bologna ieri, oggi, domani", 16 (1993), pp. 94-97 (foto dello stabilimento Gazzoni negli anni '20-'30)
  • Vera Zamagni, L'economia, in Renato Zangheri, Bologna, Roma (ecc.), Laterza, 1986, p. 275