Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1922

Rappresaglie dopo l'uccisione dello squadrista Giorgi

Lo squadrista Ferdinando Giorgi muore in circostanze non chiare la sera del 6 agosto davanti a una osteria. In un telegramma inviato al Prefetto, il comandante dei carabinieri afferma che il giovane è stato aggredito “proditoriamente et brutale malvagità”, da una ronda di comunisti.

Per vendetta, durante la notte centinaia di fascisti armati, guidati da Dino Grandi e Gino Baroncini, rastrellano la zona della Montagnola alla ricerca di “sovversivi”.

Una decina di persone rimangono ferite. Vengono devastati alcuni luoghi simbolici del socialismo bolognese, quali il Circolo Ferrovieri di via del Borgo e le due camere del lavoro.

La sede della cooperativa “La Sociale” è distrutta per la seconda volta in pochi giorni. Questo attentato costituisce “la pietra tombale sul presidio fisico del territorio della Bolognina da parte delle forze della sinistra” (Pontieri).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide di Ferdinando Giorgi nel sacrario dei caduti fascisti - Cimitero della...

Approfondimenti:

Mimmo Franzinelli, Squadristi. Protagonisti e tecniche della violenza fascista. 1919-1922, Milano, Mondadori, 2003, pp. 387-388