Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1922

Il sindacato fascista di Baroncini

Il 18 gennaio si tiene a Bologna un Convegno sindacale fascista. Intervengono i massimi dirigenti locali: Dino Grandi, Gino Baroncini, Edmondo Rossoni, Italo Balbo, Aldo Oviglio. E' proclamata la costituzione della Federazione Provinciale dei Sindacati nazionali, che organizza oltre 25 mila lavoratori della provincia.

La nuova sigla, formalmente apolitica, stipula accordi con gli agrari meno vantaggiosi per i lavoratori di quelli ottenuti in precedenza dalla Federterra.

I proprietari terrieri però vorrebbero andare oltre: chiedono mani libere sulle assunzioni e sul livello dei salari,  vogliono ridurre gli arativi e reintrodurre nei patti agrari le corvée feudali.

Baroncini, segretario provinciale del PNF, pretende invece che gli accordi siano vincolanti per tutti. Vuole farsi carico delle sorti dei braccianti e dei mezzadri e denuncia lo "schiavismo agrario".

Egli segue il modello ferrarese di Balbo, che si è dimostrato più adatto per la penetrazione del fascismo nelle campagne padane.

Il ras bolognese sarà alla fine messo in minoranza da un'offensiva congiunta di Leandro Arpinati e Dino Grandi, in accordo con Mussolini.

Dopo che Baroncini sarà riconfermato segretario per acclamazione dal Congresso provinciale dei Fasci, nel dicembre 1923, il Duce farà commissariare la indisciplinata Federazione bolognese.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Giorgio Alberto Chiurco, Storia della rivoluzione fascista, vol. 4: Anno 1922, Firenze, Vallecchi, 1929, pp. 29-30
  • Brunella Dalla Casa, Leandro Arpinati: ascesa e caduta di un gerarca di provincia, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, p. 498
  • Brunella Dalla Casa, Leandro Arpinati. Un fascista anomalo, Bologna, Il mulino, 2013, p. 70
  • Mimmo Franzinelli, Squadristi. Protagonisti e tecniche della violenza fascista, 1919-1922, Milano, Mondadori, 2003, pp. 183-184
  • Angela Marani, Gino Baroncini. Un capitano d'industria, a cura di Franco Merlini, Imola, Associazione Giuseppe Scarabelli, stampa 2000
  • Filippo Simili, Gino Baroncini e il sindacalismo fascista bolognese, tesi di laurea, relatore Maria Salvati, Università degli studi di Bologna, Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 2004/05
  • Fabrizio Venafro, Il fascismo bolognese: squadrismo, suggestioni sindacali, normalizzazione, in: Fascismo e antifascismo nella Valle Padana, a cura dell'Istituto mantovano di storia contemporanea, Bologna, CLUEB, 2007, pp. 17-25 (data cit.: 6 gennaio 1922)