Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1921

La federazione provinciale fascista

E' costituita ufficialmente la federazione provinciale fascista e “L'Assalto” ne diviene l'organo di stampa. Gino Baroncini (1893-1970) è eletto segretario politico e assume il controllo delle squadre d'azione, organizzate gerarchicamente con disciplina militare secondo il modello ferrarese.

Le formazioni di Italo Balbo operano già da tempo anche nei comuni bolognesi prossimi a Ferrara, come Galliera, Malalbergo e soprattutto Molinella, roccaforte della resistenza antifascista.

Le squadre bolognesi di Baroncini si rivolgono soprattutto al territorio imolese. Il bilancio delle violenze fasciste nei primi sei mesi del 1921 in provincia di Bologna vede la distruzione di 35 sedi dell'opposizione, tra case del popolo, camere del lavoro, cooperative, leghe e circoli politici.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Brunella Dalla Casa, Leandro Arpinati. Un fascista anomalo, Bologna, Il mulino, 2013, pp. 80-81
  • Angelo Tasca, Nascita e avvento del fascismo, a cura di Sergio Soave, Scandicci, La nuova Italia, 1995, pp. 226-227