Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1921

Firmato a Roma il "patto di pacificazione"

Il 2 agosto a Roma rappresentanti del Consiglio Nazionale dei Fasci, del partito socialista, della CGL e dei gruppi parlamentari socialista e fascista, con la supervisione del Presidente della Camera De Nicola, firmano il “patto di pacificazione” proposto da Mussolini.

L'articolo 2. dichiara che devono subito cessare "minacce, vie di fatto, rappresaglie, punizioni, vendette, pressioni e violenze personali di qualsiasi specie" tra le opposte fazioni politiche. Le infrazioni saranno sottoposte a un giudizio arbitrale da parte di commissioni insediate in ogni provincia.

In una intervista al "Resto del Carlino", il giorno successivo Mussolini dichiara che ora nel fascismo deve prevalere l'elemento politico su quello militare e passa all'offensiva contro le opposizioni annunciate all'interno del movimento: "Se il Fascismo non mi segue nessuno potrà obbligarmi a seguire il Fascismo".

Bologna si annuncia come il centro dello "scisma" (Tasca) nei confronti delle decisioni prese a Roma e della stessa leadership di Mussolini.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Emilio Gentile, E fu subito regime. Il fascismo e la marcia su Roma, Roma, Bari, GLF editori Laterza, 2012, pp. 27-28
  • Angelo Tasca, Nascita e avvento del fascismo, a cura di Sergio Soave, Scandicci, La nuova Italia, 1995, pp. 267-268