Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1921

A fuoco la sede del Gruppo Nazionalista: si apre la caccia all'uomo

Nella notte del 4 febbraio va a fuoco la sede del Gruppo Nazionalista e del giornale “La Battaglia”. Per vendetta si apre la caccia all'uomo contro operai e tramvieri.

In diverse vie della città avvengono agguati e bastonature a sangue, seguite, in qualche caso, da ritorsioni contro i fascisti.

In via Lame, gli squadristi picchiano gli abitanti della strada considerati “sovversivi”. Un falegname iscritto al partito repubblicano, Armando Ramazzotti, è ridotto in fin di vita a manganellate sotto casa sua e morirà il 6 febbraio.

La stampa socialista accusa le forze dell'ordine di proteggere gli assalitori. Lo stesso prefetto Mori ne denuncia la mollezza: "Si aggredisce, si bastona, si insulta, si oltraggia ... senza che un solo arresto venga a dimostrare che l'Autorità esiste".

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune - ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, p. 352

  • Mimmo Franzinelli, Squadristi. Protagonisti e tecniche della violenza fascista. 1919-1922, Milano, Mondadori, 2003, p. 303 (data cit.: 5 febbraio)
  • Annalisa Padovani, Stefano Salvatori, Cronaca del nazionalismo e del fascismo a Bologna dal 1918 al 1923. Nomi, fatti, luoghi, Bologna, Tinarelli, 2011, pp. 130-132