Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1912

Il "fittone" delle Spaderie traslocato in via Zamboni

Il “fittone”, cioè il paracarro collocato in via Spaderie e considerato dalla goliardia un mitico simbolo fallico, è trasferito all'inizio del portico di palazzo Poggi in via Zamboni.

Fu collocato nel 1870 dal sindaco Casarini per evitare il passaggio di carri e carrozze nell'angusta viuzza, che immetteva nel rione del mercato.

Portato su una barella da due pompieri, il cosiddetto “palo del sindaco” (o goliardicamente “usèl dal séndic”) è accolto da una folla di studenti universitari, con tanto di banda e bandiere. Su un numero unico commemorativo, i goliardi decretano al fittone rimosso un nuovo nome di battesimo:

Perché stava nel cuor della città
Lo si nomò dal cittadin maggiore
Ora ch'è accanto all'Università
Lo chiameremo il ... palo del Rettore.

La piccola ma animatissima via Spaderie, che collegava il portico del Pavaglione con il Mercato di Mezzo, scomparirà durante i lavori di allargamento di via Rizzoli.

Assieme ad essa chiuderà la tabaccheria all'angolo, che offriva ai clienti - come altre a Bologna - un tubo di gomma con una fiammella a gas, con la quale era possibile accendersi liberamente il sigaro senza usare fiammiferi.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Il Fittone all

Approfondimenti:

  • Bologna in cronaca. Notiziario cittadino del nostro secolo, 1900-1960, a cura di Tiziano Costa, Bologna, Costa Editore, 1994, p. 21
  • Bologna nelle sue cartoline, a cura di Antonio Brighetti, Franco Monteverde, Cuneo, L'arciere, 1986, vol. 2: Vedute della città, p. 33 (foto)
  • Bologna notte, Bologna, Tamari, 1971, pp. 16-24
  • C'era Bologna. Porta per porta la città rivela i suoi antichi segreti, a cura di Tiziano Costa e Oriano Tassinari Clò, Roma, Newton periodici, 1991, vol. IV, pp. 994-995 (foto)
  • Tiziano Costa, Bologna '900. Vita di un secolo, 2. ed., Bologna, Costa, 2008, pp. 44-45
  • Tiziano Costa, Bologna prima e dopo il '68 ... ricordi di una vita, Bologna, Costa, 2018, p. 96
  • Franco Cristofori, Bologna come rideva. I giornali umoristici dal 1859 al 1924, Bologna, Cappelli, 1973, pp. 325-326
  • Davide Daghia, Bologna insolita e segreta, Versailles, Jonglez, 2017, pp. 214-215
  • Gaudeamus igitur: studenti e goliardia 1888-1923, Bologna, Bologna university press, 1995, pp. 42, 63-64, 96, 118-119
  • Renzo Giacomelli, Vecchia Bologna. Ricordi di mezzo secolo, Rocca San Casciano, Cappelli, stampa 1962, pp. 14-15
  • Renzo Giacomelli, Vecchio e nuovo nel centro di Bologna, Bologna, Tamari, 1967, pp. 50-53
  • Alberto Menarini, Athos Vianelli, Bologna per la strada. Leggende e curiosità. Seconda serie, Bologna, Tamari, stampa 1976, pp. 118-121
  • Francesco Nicita, Il Fittone del sindaco, in "Bologna ieri, oggi, domani", 28 (1994), pp. 6-7
  • Gianfranco Paganelli, Bologna ricorda 1998. Ricerca sulle lapidi esterne situate entro la cerchia delle mura conclusasi nel dicembre 1997, Bologna, Centro sociale anziani Santa Viola, stampa 1998, p. 197
  • Marco Poli, Cose d'altri tempi 3. Frammenti di storia bolognese, Bologna, Minerva, 2013, pp. 45-46
  • Ragni. Una figura popolare della vecchia Bologna, 1867-1919, a cura di Enrico Ragni, Bologna, Tip. Gamma, 1969, p. 63 (foto)
  • Federico Ravagli, Dino Campana e i goliardi del suo tempo, 1911-1914. Autografi e documenti, confessioni e memorie, Bologna, CLUEB, 2002, pp. 41-42

  • Storie della goliardia bolognese dall'orbace alla contestazione, a cura di Gabriele Boschetti, Bologna, Tamari, 1988
  • Le strade di Bologna. Una guida alfabetica alla storia, ai segreti, all'arte, al folclore (ecc.), a cura di Fabio e Filippo Raffaelli e Athos Vianelli, Roma, Newton periodici, 1988-1989, vol. 3., pp. 810-812