Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1910

La "vasca natatoria" di via Milazzo

In via Milazzo è aperta dal 30 giugno una vasca natatoria. Questa prima piscina artificiale, trasformazione di un lavatoio comunale (1904), è erede del bagno della Grada, situato dal 1889 su un tratto del canale di Reno.

Si intende in questo modo ovviare agli "scandali, peccati e altri inconvenienti" provocati dalla consuetudine popolare di bagnarsi senza indumenti nei canali cittadini durante la stagione estiva.

Il nuovo impianto, per la sua ampiezza e la sua modernità, è secondo in Italia solo a quello di Porta Garibaldi a Milano. Il progetto di un'altra vasca ai Giardini Margherita non avrà invece seguito.

La piscina di via Milazzo sarà utilizzata "a comodo dei Cittadini" fino agli anni Venti, quando sarà costruito il nuovo centro polisportivo del Littoriale.

In seguito andrà a vuoto il progetto di trasformarla in palestra e il 19 novembre 1941 il Comune venderà l'area ai privati per la costruzione di "civili abitazioni", con l'impegno del compratore a demolire le strutture presenti.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La vasca natatoria di via Milazzo in una cartolina d

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Chiara Albonico, Parrocchia di SS. Filippo e Giacomo. Duecento anni di fede e storia, 1806-2006, Bologna, Studio Costa, 2005, p. 52 (foto)
  • Bologna in cronaca. Notiziario cittadino del nostro secolo, 1900-1960, a cura di Tiziano Costa, Bologna, Costa Editore, 1994, p. 18
  • Alessandro Cervellati, Bologna popolare, Bologna, Tamari, 1963, pp. 59-60
  • Tiziano Costa, Bologna '900. Vita di un secolo, 2. ed., Bologna, Costa, 2008, p. 46
  • Tiziano Costa, Bologna mai vista. 200 foto segrete, Bologna, Costa, 2009, p. 82 (foto)
  • Tiziano Costa, I canali perduti. Quando Bologna viveva sull'acqua, Bologna, Costa, 1998, p. 20
  • Franco Cristofori, Bologna. Immagini e vita tra Ottocento e Novecento, Bologna, Alfa, 1978, p. 103 (foto)
  • Eugenia Marcantoni, La belle époque a Bologna, in Bologna Novecento. Un secolo di vita della città, a cura di Maria Letizia Bramante Tinarelli, Castelmaggiore, FOR, 1998, pp. 15-22 (foto)
  • Il mito della V nera, a cura di Achille Baratti, Renato Lemmi Gigli, Bologna, Poligrafici L. Parma, 1972, p. 195 (foto)
  • Marco Poli, Bologna com'era, Argelato, Minerva, 2020, pp. 137-138 (foto)
  • Marco Poli, Il Conte ladro e altre storie bolognesi, Bologna, Costa, 1998, p. 287
  • Giancarlo Roversi, Bologna amarcord. La gente, i luoghi e gli umori dal 1900 al 1940. Primo tempo, Argelato, Minerva, 2013, pp. 32-33
  • Daniela Sinigalliesi, Vie d'acqua. Segni presenti segni immaginati, Bologna, Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici dell'Emilia, 1997, pp. 30-31
  • Oliviero Zanardi, Dalla "Vasca natatoria" alle piscine comunali. Una storia per immagini, in: Cultura e sport a Bologna negli anni della Grande Guerra 1915-1918, a cura di Paola Furlan, Bologna, Persiani, 2017, pp. 80-105 (ill. e foto)