Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1909

La Compagnia drammatica bolognese di Testoni e Galliani

Alfredo Testoni accetta di mettersi con Goffredo Galliani, al quale nel 1892 aveva lasciato la compagnia dialettale da lui diretta.

Cede alla società tutto il vecchio repertorio e si riserva una percentuale sugli incassi per le nuove commedie. Pretende inoltre l'eliminazione di tutte le riduzioni da opere straniere e il completo rinnovo dell'ambiente teatrale.

Il suo programma contempla antiche commedie di Giulio Cesare Allegri, Dorigista, Domenico Laffi, la ripresa de I facchein d'Bulogna di Giuseppe Muzzioli e la rievocazione di una serata del teatro Nosadella ai tempi di Scorzoni e del Persuttino.

Prevede inoltre il coinvolgimento di autori moderni, quali Guglielmo Zorzi, Sebastiano Sani, Alberto Massone.

Nella compagnia non c'è più Argia Magazzari. Le sue parti sono affidate a Elvira Avoni e Ada Franzoni.

La stagione si inaugura positivamente il 31 ottobre con Acqua e ciacher, in un Teatro Contavalli rimesso a nuovo: i palchi decorati con buon gusto, un bel lampadario, comode poltrone in platea.

Ben presto però cominciano gli screzi. Alcuni attori, tra i quali Angelo Gandolfi, che fonderà una compagnia concorrente, se ne vanno. Nella primavera del 1911 la rottura tra Testoni e Galliani sarà completa e sfocerà in una lunga vicenda processuale.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Franco Cristofori, Alfredo Testoni. La vita, le opere, la città, realizzazione grafica di Pier Achille Cuniberti, Bologna, Alfa, 1981, pp. 162-165