Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1907

Il restauro di Palazzo Sanuti Bevilacqua

Il magnifico palazzo Sanuti Bevilacqua in via San Mamolo (poi via D'Azeglio) è restaurato tra il 1907 e il 1908 a cura di Alfonso Rubbiani (1848-1913).

Fu fatto costruire nel XV secolo da Nicolò Sanuti, conte della Porretta, sgomberando l'area di vecchi edifici e seguendo in parte lo stile toscano introdotto a Bologna da Lapo Portigiani.

Dal 1547, per volere di papa Paolo III, ospitò alcune sedute del Concilio di Trento e fu scelto nel periodo napoleonico come sede provvisoria del parlamento della Cispadana.

Ha una caratteristica facciata con tasselli a punta di diamante, tra i quali si apre un portone sormontato da un balconcino, “cinto da una ringhiera di ferro battuto lieve come una trina” (U. Beseghi).

La corte a doppio loggiato, con colonne scanalate e fregi che richiamano il portico bentivolesco di San Giacomo, venne edificata, dopo la morte di Nicolò Sanuti, dalla moglie Nicolosia, amante di Sante Bentivoglio.

L'intervento di Rubbiani dona alle sale del palazzo “la stessa nobiltà impressa dal primo costruttore” e ridà vita e splendore alla corte, di cui vengono ripristinati gli archi e rifatto il ricco soffitto a cassettoni della loggia. Per quest'ultimo intervento i pittori Achille Casanova e Alfredo Tartarini utilizzano i resti della decorazione originale.

Fonti della notizia:

consulta

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

Umberto Beseghi, Palazzi di Bologna, 2. ed., Bologna, Tamari, 1957, pp. 213-223