Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1907

Il Comitato per le bibliotechine scolastiche

Si trasferisce a Bologna il Comitato per la diffusione delle bibliotechine scolastiche, sorto nel 1904 a Ferrara per iniziativa di Clara Cavalieri Archivolti. Il progetto è sostenuto dal sindaco Dallolio, dal prof. Pullè dell'Università popolare e dal direttore della biblioteca dell'Archiginnasio Sorbelli.

Tra i collaboratori vi sono diversi professori universitari, medici scolastici, maestri e anche la scrittrice per bambini Maria Pezzé Pascolato. Oltre che promuovere la costituzione di piccole biblioteche per bambini, il Comitato fornisce anche supporto finanziario (ad esempio acquisti di libri a prezzi di favore) e tecnico-biblioteconomico.

Su un apposito bollettino pubblica elenchi di libri segnalati, spogli bibliografici, resoconti di riunioni, lettere di maestri. Il Comune sosterrà in vari modi l'iniziativa, ben vista dalla classe politica moderata, che governa la città.

Oltre che concedere in uso gratuito i locali della sede del Comitato (posta in via San Vitale 96), istituirà commissioni di insegnanti per la valutazione dei libri da acquistare e promuoverà, tramite l'Ufficio Istruzione, il rinnovo del patrimonio delle biblioteche scolastiche già esistenti.

Clara Cavalieri Archivolti (1852-1945), di facoltosa famiglia ebraica ferrarese, madre di Pico, pioniere dell'aviazione (morirà al fronte nel 1917), continuerà la sua opera per le "bibliotechine" anche negli anni Venti, come presidente dell'Associazione Nazionale Fascista per le Biblioteche delle Scuole Italiane.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Clara Cavalieri, Un anno di lavoro del Comitato centrale delle bibliotechine gratuite per le scuole elementari. Relazione letta dalla Presidente nell'assemblea generale del Comitato centrale, Bologna, Coop. Tip. Azzoguidi, 1910
  • Alessandra Chiappini, L'impresa bibliografica e bibliotecaria di Clara Cavalieri, "colta e munifica donna". Il progetto educativo e culturale delle "bibliotechine per i fanciulli" nell'Italia del primo Novecento, in: "Biblioteche oggi", 1990, 4 (1990), pp. 471-481
  • Alessandra Chiappini, L'impresa bibliotecaria di Clara Archivolti Cavalieri, "colta e munifica donna", Ferrara, Liberty House, 1990
  • Mirella D'Ascenzo, Tra centro e periferia. La scuola elementare a Bologna dalla Daneo-Credaro all'avocazione statale, 1911-1933, Bologna, CLUEB, 2006, pp. 149-150
  • Massimo Fiore, Clara Cavalieri Archivolti: un progetto a favore delle biblioteche scolastiche e della lettura per l'infanzia, Verona, s.e., 2005
  • Paola Valentina Picco, Clara Archivolti Cavalieri. Continuità ed innovazione nelle biblioteche scolastiche, tesi di laurea in Storia del libro e delle biblioteche, relatore Prof. Maria Gioia Tavoni, Università degli Studi di Bologna, a.a. 1993-1994
  • Maria Gioia Tavoni, Tipografi, editori, lettura, in: Storia di Bologna, direttore Renato Zangheri, vol. 4., tomo 1., Bologna, Bononia University Press, 2010, pp. 749-750