Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1906

Sciopero generale dopo i fatti di Torino

Il 7 maggio a Torino un operaio viene ucciso e diversi sono feriti dalla polizia durante uno sciopero dei lavoratori, che rivendicano la giornata lavorativa di dieci ore. Nei giorni successivi l'agitazione si estende ad altre città.

A Bologna gli operai metallurgici si radunano l'8 maggio agli Orti Garagnani. Nei due giorni successivi lo sciopero coinvolge numerose categorie, dai metallurgici ai tipografi, dalle sartine ai lampionai del comune.

Incidenti si registrano il 9 alla Manifattura Tabacchi, dove 400 operai intervengono per impedire il crumiraggio. Volano sassi contro le vetrine dei negozi e contro i tranvieri, che non sospendono il servizio. La stessa sera i militari a cavallo caricano i manifestanti davanti al Pirotecnico, facendo numerosi feriti.

Non ha invece grande successo, il giorno 10 maggio, una contro-manifestazione organizzata dall'Associazione Commercianti e Industriali, durante la quale è chiesta l'istituzione di pattuglie cittadine e alcune centinaia di volontari sono chiamati a raccolta dal sindaco Tanari.

Scioperi e scontri avvengono anche in molti paesi della provincia: a Budrio, durante una manifestazione in piazza, un bracciante rimane ucciso.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Luigi Arbizzani, Sguardi sull'ultimo secolo. Bologna e la sua provincia, 1859-1961, Bologna, Galileo, 1961, p. 110
  • Giuseppe Brini, Quelli del tramway. Cento anni di vita e di lotta nella città di Bologna, Bologna, Centro Stampa ATC, 1977-1985, vol. I, p. 81
  • Franco Cristofori, Bologna come rideva. I giornali umoristici dal 1859 al 1924, Bologna, Cappelli, 1973, p. 313
  • Ettore Stanzani, Corpo delle pattuglie cittadine, 1820-1961, Rocca San Casciano, Cappelli, 1962, p. 32