Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1906

Fondazione dell'Istituto Case Popolari

Con delibera del Consiglio comunale del 31 gennaio è fondato il nuovo Istituto per le Case popolari. E' sostenuto dal Comune e dalla Cassa di Risparmio. Ha il compito di realizzare quartieri popolari in periferia, facilitando nel contempo gli sventramenti previsti nel centro storico dal Piano regolatore del 1889.

Nel suo primo periodo di attività, fino alla guerra mondiale, l'Icp costruisce più di mille alloggi in 50 fabbricati. I primi edifici, su progetto dell'ing. Barigazzi, sorgono alla Bolognina dal 1908. L'appartamento tipo è di circa 40 mq, composto da cucina, camera e un piccolissimo locale per i servizi igienici.

I palazzi progettati da Barigazzi e da Corinti sono in genere a quattro piani e formano isolati chiusi, con cortili interni e servizi comuni negli scantinati. Entro il 1911 l'ICP realizzerà 647 appartamenti per 1.781 abitanti, con una spesa di quasi 2 milioni.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Casa popolare IACP alla Bolognina - particolare Cortile di casa popolare alla Bolognina - piccolo edificio per servizi... Casa popolare in via Fioravanti - particolare Casa popolare in via Fioravanti - sul muro tracce di una scritta degli anni... Fabbricati dello IACP alla Bolognina - 1908-1914 Fabbricato IACP - quartiere Bolognina - particolare Fabbricato IACP alla Bolognina - Cortile e servizi comuni Fabbricato IACP - quartiere Bolognina - particolare Fabbricato IACP - quartiere Bolognina - particolare

Approfondimenti:

  • 31 gennaio 1906, nasce l'Istituto per le Case Popolari, in "Abito qui", 1-2 (2006), p. 20 sgg.
  • A. Alaimo, R. Ricchi, Strade a rettifili e case operaie, in "Scuolaofficina. Periodico di cultura tecnico-scientifica", n. 0 (1982), p. 3
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, pp. 48-49
  • Carlo Cesari, Giuliano Gresleri, Residenza operaia e città neo-conservatrice. Bologna caso esemplare, Roma, Officina, 1976, pp. 114-122
  • Istituto autonomo per le case popolari della provincia di Bologna, 1906-1956. Numero unico in occasione del cinquantenario della fondazione dell'istituto, a cura di Dario Zanelli, Bologna, Tip. L. Parma, 1956
  • Gaetano Miti, Bologna il comune bottegaio: dai negozi di Zanardi all'Ente dei Consumi, Bologna, Patron, 2015, p. 16

  • Per Bologna. Novant'anni di attività dell'Istituto Autonomo Case Popolari, 1906-1996, Bologna, Istituto Autonomo per le Case Popolari della provincia di Bologna, 1996
  • Stefano Ramazza, Le realizzazioni dello IACP dal 1906 al 1940, in Bologna. Città e territorio tra '800 e '900, a cura di Pier Paolo D'Attorre, Milano, Angeli, 1983
  • Roberto Scannavini e Raffaella Palmieri, Michele Marchesini, La nascita della città post-unitaria, 1889-1939: la formazione della prima periferia storica di Bologna, Bologna, Nuova Alfa, 1988, p. 62-65
  • Fiorenza Tarozzi, Politica e società: i primi cinquant'anni di Bologna nel Regno unitario, in E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, pp. 30-31