Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1904

La palazzina Majani

All'inizio di via Indipendenza è costruita una elegante palazzina, su progetto di Augusto Sezanne (1856-1935), architetto, pittore e decoratore di scuola bolognese, insegnante all'Istituto di Belle Arti di Venezia.

E' uno dei migliori esempi di edifici in stile liberty in città. Secondo i tradizionalisti, invece, sembra “una seggiola di Vienna messa lì a urtare le gambe dei passanti”. Fa scandalo lo stridore di stile con la facciata barocca della metropolitana di San Pietro, che si trova proprio di fronte.

Di proprietà della ditta Giuseppe Majani - con laboratorio in via Carbonesi - il primo in Italia a produrre scorze solide di cioccolata - l'edificio ospita un bar, una sala da the e una pasticceria assai rinomata per le gelatine di frutta, i confetti, i cioccolatini Fiat, le uova pasquali e i grandi gelati a forma di pigna o di ananas.

Al piano superiore c'è la sala da ballo e un'ampia terrazza all'aperto con tavolini in cui suona l'orchestra. Essa è descritta dai detrattori come "un pretenzioso chepì gallonato", per la sua sporgenza dalla linea dei palazzi.

La palazzina sarà per tutta la prima parte del secolo una meta per gli artisti e i personaggi ospitati nel vicino hotel Baglioni.

Il lussuoso arredo interno sarà distrutto da un incendio il 16 agosto 1939, pochi mesi dopo la radicale ristrutturazione in stile moderno curata dall'arch. Melchiorre Bega. Il caffè chiuderà nel 1953 per far posto a una banca.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Anonimo - Bologna Via Indipendenza - s.a. - La Palazzina Majani in una... La Palazzina Majani oggi Palazzina Majani - Il balcone in stile Liberty La palazzina Majani a inizio 900 La pasticceria Majani nella prima metà del Palazzina Majani - via Indipendenza (BO) - particolare Interno della pasticceria Majani nella prima metà del

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Alfonso Rubbiani: i veri e i falsi storici, Bologna, febbraio-marzo 1981, a cura di Franco Solmi e Marco Dezzi Bardeschi, Casalecchio di Reno, Grafis, 1981, pp. 398-399 (scheda su A. Sezanne a cura di C. Poppi)
  • Franco Bergonzoni, Nove secoli d'arte a Bologna. Rilettura cronologica d'opere di Guido Zucchini, Bologna, Atesa, 1977, p. 127 (La data indicata è il 1908)
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, p. 65
  • Bologna. Immagine urbana e flussi della città, Roma, IN ASA, 1992, pp. 10-11 (foto)
  • Bologna in cronaca. Notiziario cittadino del nostro secolo, 1900-1960, a cura di Tiziano Costa, Bologna, Costa Editore, 1994, p. 87
  • Bologna visitata in bicicletta, a cura del del Monte Sole Bike Group, Ozzano Emilia, Arti Grafiche Reggiani, 1999, p. 152 (data cit.: 1908)
  • Alessandro Cervellati, Bologna al microscopio, Bologna, Edizioni aldine, 1957, vol. 4., pp. 68-70
  • Tiziano Costa, Bologna dalla A alla Z. Enciclopedia della città antica, Bologna, Costa, 2011, p. 254 (A. Sezanne)
  • Tiziano Costa, Bologna prima, durante e dopo la Liberazione, Bologna, Costa, 2015, p. 19
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 170 (A. Sezanne)
  • Gabriele Cremonini, Cibò. Un viaggio nella gastronomia, nella storia e nella cultura del cibo a Bologna e dintorni, condito di aneddoti, personaggi famosi, leggende, curiosità e ricette, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 46-47
  • L'Emilia Romagna com'era. Alberghi, caffè, locande, osterie, ristoranti, trattorie. Sulle tracce di un passato recente alla riscoperta dei segni mutati o cambiati di una secolare tradizione d'ospitalità, a cura di Alessandro Molinari Pradelli, Roma, Newton Compton, 1987, pp. 40-41 (foto)
  • Industriartistica bolognese. Aemilia ars. Luoghi, materiali, fonti, a cura di Carla Bernardini e Marta Forlai, Cinisello Balsamo, Silvana, 2003, p. 51
  • Erica Landucci, Passeggiata nel Liberty Bolognese, Bologna, Paolo Emilio Persiani, 2020, pp. 73, 147-151 (ill., foto)
  • Il Liberty a Bologna e nell'Emilia Romagna. Architettura, arti applicate e grafica, pittura e scultura, retrospettiva di Roberto Franzoni, Adolfo De Carolis e Leonardo Bistolfi, prima indagine sull'art-deco (marzo-maggio 1977), Bologna, Grafis, 1977, pp. 28-29, 39-40, 64-65 (foto)
  • Liberty in Emilia, a cura di Graziano Manni, Modena, Artioli, stampa 1988, p. 104 sgg.
  • Arrigo Lucchini, Cara Bologna, Bologna, Tamari, 1979, (foto) p. 31
  • Augusto Majani (Nasica), Ricordi fra due secoli. Memorie illustrate di un caricaturista bolognese, presentate da Giuseppe Lipparini, Milano, Academia, 1950, p. 29 (A. Sezanne)
  • Alessandro Molinari Pradelli, Bologna tra storia e osterie. Viaggio nelle tradizioni enogastronomiche petroniane, Bologna, Pendragon, 2001, pp. 70-71 (data cit.: 1908)
  • MSB Palazzo Pepoli. Museo della storia di Bologna. Testi del percorso espositivo, Bologna, Bononia University Press, 2011, p. 123 (data cit.: 1908)
  • Giancarlo Roversi, Bologna amarcord. La gente, i luoghi e gli umori dal 1900 al 1940. Primo tempo, Argelato, Minerva, 2013, pp. 33-35
  • Trent'anni di fotografie Villani a Bologna. 1920-1950, coordinamento editoriale di Sandra Mazza e Nazario Sauro Onofri, Bologna, Cappelli, 1988, (foto), pp. 215-217
  • Lo Studio Villani di Bologna. Il più importante atelier fotografico italiano del XX secolo tra industria, arte e storia, a cura di Vera Zamagni (…) , Bologna, Poligrafici editoriali, 2014, p. 82 (foto)