Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1891

Congresso dei socialisti emiliani e romagnoli

Organizzato dalla Federazione Bolognese si tiene, nel locale della Società Operaia, il congresso dei nuclei socialisti, anarchici e operai dell'Emilia e delle Romagne.

All'ordine del giorno sono previsti tre punti principali: la celebrazione del primo maggio, il futuro congresso socialista nazionale, l'organizzazione del partito.

Durante l'assise si manifestano subito profonde divisioni tra possibilisti e anarchici: i primi ritengono inutile e prematura l'azione violenta, i secondi reclamano il diritto di libertà e autonomia dei comitati locali e la necessità di ricorrere a mezzi rivoluzionari.

L'aspra controversia si conclude con il ritiro dei gruppi anarchici. La relazione conclusiva dell'avv. Barbanti Brodano esprime la speranza che in un futuro prossimo le forze operaie e socialiste possano fondersi in un solo fascio. La definitiva separazione tra socialisti e anarchici si consumerà al congresso di Genova del 1892, con la nascita del Partito dei Lavoratori italiani.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Clero e partiti a Bologna dopo l'Unità, con prefazione di Umberto Marcelli, Bologna, Sezione arti grafiche Istituto Aldini-Valeriani, 1968, pp. 174-176
  • Marco Veglia, La vita vera. Carducci a Bologna, Bologna, Bononia University press, 2007, p. 273