Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1887

Edoardo Brizio professore di Archeologia

Edoardo Brizio (1846-1907), archeologo e paletnologo torinese, assume l'incarico di Regio commissario per i Musei e gli scavi dell'Emilia e delle Marche, dopo la morte di Giovanni Gozzadini. E' già professore di Archeologia e Numismatica all'Università e direttore della sezione antica del Museo Civico.

Le tre cariche saranno da ora in poi affidate assieme al professore di Archeologia, fino alla costituzione, nel 1924, di una Soprintendenza archeologica autonoma.

Brizio è il primo a dare una sistemazione scientifica ai materiali rinvenuti nei numerosi scavi effettuati del bolognese.

Dirigerà personalmente quelli del fondo Benacci-Caprara (1887-1888), dei Giardini Margherita (1887-1889), dell'Arsenale Militare (1888-1889), di Claterna (1887-1890) e Marzabotto (1888-1889), fino a quelli del cosiddetto "muro del Reno" (1894-1902) e di Villa Cassarini (1906-1907).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Lapide per Edoardo Brizio nel museo civico archeologico di Bologna Monumento a Edoardo Brizio nel museo civico archeologico di Bologna Ritratto di Edoardo Brizio Tomba di E. Brizio nella Certosa di Bologna Tomba di E. Brizio - Cimitero della Certosa (BO) - part.

Approfondimenti:

  • Carlo Calcaterra, Alma Mater Studiorum. l'Università di Bologna nella storia della cultura e della civiltà, a cura di Emilio Pasquini, Ezio Raimondi, Bologna, Bononia university press, 2009, pp. 406-408
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 59
  • Dizionario dei bolognesi, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1989-1990, vol. 1., p.136

  • Edoardo Brizio (1846-1907): un pioniere dell'archeologia nella nuova Italia, catalogo della mostra, Bra, 28 settembre - 25 novembre 2007, Bra, Officine grafiche della comunicazione, stampa 2007
  • Giosue Carducci e i carducciani nella Certosa di Bologna, Bologna, Comune, 2007, p. 13
  • Guida al Museo Civico Archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Bologna, Editrice Compositori, 2009, p. 16
  • Fiamma Lenzi, Archeologia e amor di patria: protagonisti, fatti e politica prima e dopo l’unificazione del paese, in E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 306
  • Il museo civico archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Daniele Vitali, Imola, University press Bologna, 1982, pp. 15-16
  • Giuseppe Sassatelli, Edoardo Brizio e la prima sistemazione storica dell'archeologia bolognese, in Dalla Stanza delle Antichità al Museo civico. Storia della formazione del Museo civico archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Giuseppe Sassatelli, Casalecchio di Reno, Grafis, 1984, pp. 381-405
  • Giancarlo Susini, Antico, classico e archeologia: gli studi a Bologna nell'ultimo secolo, in Lo Studio e la città: Bologna 1888-1988, a cura di Walter Tega, Bologna, Nuova Alfa, 1987, pp. 400-405
  • Università degli studi di Bologna, Monumenti ed iscrizioni. Palazzo centrale, Accademia delle Scienze dell'Istituto, Biblioteca, Facoltà e loro istituti, a cura di Ferdinando Rodriquez, Bologna, Tipografia Compositori, 1958, p. 88