Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1885

L'Amaro Montenegro

Stanislao Cobianchi, giovane erborista bolognese, impianta in proprio una distilleria a Borgo Panigale. Ha fatto esperienza in Piemonte, dove ha lavorato per la Gancia-Cillario. Tornato in città, ha aperto una "bouvette" in piazza Maggiore di fronte alla stazione dei tram a cavalli.

Vi si servono liquori diversi: l'anisetta, il "latte di vecchia" e tante creme, all'uovo, al marsala, al caffè, alla banana, all'ananas e così via. Dalle sue sperimentazioni nascerà l'Elisir Lungavita, prodotto nella tipica bottiglia brevettata, che D'annunzio definirà "Il liquore delle virtudi".

Il nome Amaro Montenegro è un omaggio alla principessa Elena di Montenegro, futura moglie di re Vittorio Emanuele III.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Ingresso dello stabilimento Montenegro a Zola Predosa (BO) Bottiglia di Amaro Montenegro con lettera di ringraziamento di Gabriele...

Approfondimenti:

  • Atlante bolognese. Dizionario alfabetico dei 60 comuni della provincia, Bologna, Poligrafici Editoriali, 1993, p. 60 (foto)
  • L'Emilia Romagna com'era. Alberghi, caffè, locande, osterie, ristoranti, trattorie. Sulle tracce di un passato recente alla riscoperta dei segni mutati o cambiati di una secolare tradizione d'ospitalità, a cura di Alessandro Molinari Pradelli, Roma, Newton Compton, 1987, p. 33
  • Alessandro Molinari Pradelli, Bologna tra storia e osterie. Viaggio nelle tradizioni enogastronomiche petroniane, Bologna, Pendragon, 2001, pp. 74-75
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 223
  • Giancarlo Roversi, La tromba della fama. Storia della pubblicità a Bologna, Casalecchio di Reno, Grafis - Bologna, Banca Popolare di Bologna e Ferrara, 1987, p. 307 (ill.)
  • Le strade di Bologna. Una guida alfabetica alla storia, ai segreti, all'arte, al folclore (ecc.), a cura di Fabio e Filippo Raffaelli e Athos Vianelli, Roma, Newton periodici, 1988-1989, vol. 4., pp. 1044-1045 (foto: distilleria Cobianchi)