Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1883

Il vaporino per Casalecchio e Vignola, prima tramvia extraurbana

E' inaugurata la prima tramvia extraurbana bolognese, da piazza Malpighi al Meloncello. E' parte della linea in costruzione tra Bologna e Vignola (TBV, progetto dell'ing. Gioacchino Rotondi) attraverso Casalecchio di Reno, finanziata dalla Compagnie generale des chemins de fer secondaires di Bruxelles e dalla Banca Generale.

Nel 1882 la Società Rotondi-Almagià ha avuto il permesso di utilizzare, come sede dei binari, le strade provinciali Porrettana e Bazzanese e le vie urbane da Piazza Malpighi a Porta Saragozza. Lo scalo merci, il deposito e la direzione della linea sono stabiliti lungo le mura tra le porte Saragozza e D'Azeglio, nella ex villa Ferlini.

La ferrovia è costruita in economia, con rotaie di 18 kg e curve a piccolo raggio. Il materiale rotabile è di tipo tramviario. Il 5 aprile ha inizio il servizio da Piazza Malpighi al Meloncello. Il 5 giugno successivo la corsa è prolungata fino a Casalecchio di Reno. Il tram a vapore raggiungerà Bazzano il 9 dicembre 1883 e Vignola il 28 maggio 1886.

Nella provincia di Modena il binario sarà collocato interamente in sede propria. Nel 1905 la tramvia Bologna-Vignola, considerata "un miracolo della tecnica", sarà ceduta alla Società Belga Les Tramways de Bologne, esercente le linee urbane.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Ristorante Tramvia - Casalecchio di Reno (BO) La sede del tram per Vignola nei pressi di Casalecchio passa accanto al... La sede della tramvia Bologna-Vignola alla Croce Casalecchio trasformata in... Il vecchio municipio di Casalecchio di Reno (BO) Vecchia stazione della tramvia Bologna-Casalecchio-Vignola

Approfondimenti:

  • Giuseppe Coccolini, L'arte muraria italiana. I costruttori gli ingegneri e gli architetti, Bologna, Re Enzo, 2002, p. 157
  • Franco Cristofori, Bologna. Immagini e vita tra Ottocento e Novecento, Bologna, Alfa, stampa 1978, p. 377
  • Davide Damiani, Fuori porta col vaporino, 1877-1977. Cento anni di trasporti pubblici in provincia di Bologna, Bologna, Atc, stampa 1978, pp. 15, 23-57 (foto)
  • Ferrovie dell'Emilia-Romagna. Paesaggio, natura, storia, a cura di Piero Orlandi, Massimo Tozzi Fontana, Bologna, Compositori, 2011, pp. 39-40
  • Fabio Formentin, Davide Damiani, Storia dei servizi di trasporto dell'Amministrazione Provinciale di Bologna, Cortona, Calosci, 2011, p. 14
  • "Lunario casalecchiese", 2011 (mese: febbraio)
  • Giuseppe Pittano, Carla Xella, I giorni di Bologna e dell'Emilia-Romagna, Bologna, Cappelli, 1978, p. 79
  • Filippo Raffaelli, I segreti di Bologna, Bologna, Poligrafici, 1992, p. 105
  • Le strade di Bologna. Una guida alfabetica alla storia, ai segreti, all'arte, al folclore (ecc.), a cura di Fabio e Filippo Raffaelli e Athos Vianelli, Roma, Newton periodici, 1988-1989, vol.1., p. 94
  • Athos Vianelli, Bologna tradizionale, Bologna, Guidicini e Rosa, 1978, p. 156
  • Vera Zamagni, L'economia, in Renato Zangheri, Bologna, Roma, ecc., Laterza, 1986, p. 266