Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1877

L'edificio della Cassa di Risparmio di Giuseppe Mengoni

Alla presenza del principe Umberto di Savoia, è inaugurato il nucleo principale del nuovo palazzo della Cassa di Risparmio, fortemente voluto dal suo presidente, il marchese Carlo Bevilacqua, e costruito in via Farini sulle rovine del teatro Zagnoni. La posa della prima pietra era avvenuta il 12 agosto 1868.

Il sontuoso edificio, aspramente criticato da molti per l'eccessivo lusso e per l'enorme costo di due milioni di lire, è stato realizzato come un grande palazzo rinascimentale, con ornamenti di marmi policromi - forniti dalla ditta Davide Venturi - e moderne strutture in ferro.

E' opera prestigiosa di Giuseppe Mengoni (1829-1877), uno dei più importanti architetti dell'800, originario di Fontanelice, ma che ha completato la sua formazione artistica a Bologna, come studente e insegnante dell'Accademia.

A Bologna è conosciuto anche come autore di Palazzo Poggi Cavazza e per il progetto, a livello urbanistico, della piazza interna di Porta Saragozza.

Nel 1859 ha vinto il concorso bandito dal comune di Milano per la sistemazione della zona di Piazza Duomo. La Galleria "Vittorio Emanuele II", concepita nella sua casa di via San Vitale 36, gli darà grande fama, ma anche la morte, avvenuta nel 1877 per un tragico incidente di cantiere, alla vigilia dell'inaugurazione del grande arco d'ingresso.

La residenza della Cassa di Risparmio si pone come modello di una "nuova architettura", ispirata allo stile eclettico di John Nash e della Scuola di Chicago. L'interno ospita decorazioni di Luigi Samoggia e sculture di Giuseppe Pacchioni, Stefano Galletti, Arturo Colombarini.

Per Alfonso Rubbiani essa rappresenta un "ardito" tentativo di ripresa delle tradizioni architettoniche dei primi tempi del Rinascimento, cioè dello stile che, liberamente reinterpretato, avrebbe dovuto connotare tutte le costruzioni moderne.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Edificio della Cassa di Risparmio - arch. G. Mengoni Portico della Cassa di Risparmio in via Farini - part. Palazzo della Cassa di Risparmio (BO) - arch. G. Mengoni Uno dei lampioni del palazzo della Cassa di Risparmio (BO) La Residenza della Cassa di Risparmio da piazza Minghetti (BO) Lapide nella casa abitata da Giuseppe Mengoni in via San Vitale (BO)

Approfondimenti:

  • Luca Baccolini, I luoghi e i racconti più strani di Bologna. Alla scoperta della "dotta" lungo un viaggio nei suoi luoghi simbolo, Roma, Newton Compton, 2019, pp. 87-91
  • Franco Bergonzoni, Venti secoli di città. Note di storia urbanistica bolognese, Bologna, Cappelli, 1980, p. 103
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, pp. 34-35
  • Umberto Beseghi, Palazzi di Bologna, Bologna, Tamari, 1956, pp. 277-283
  • Bologna anni 1930-40. Materiali d'opere e di memorie da leggere e da vedere, Bologna, Tipostampa Bolognese, 1983, p. 17
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 4., pp. 96, 204-206
  • Cent'anni fa Bologna. Angoli e ricordi della città nella raccolta fotografica Belluzzi, a cura di Otello Sangiorgi e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Costa, 2000, pp. 51-57 (foto)
  • Nora Clerici Bagozzi, Palazzo Zambeccari. Storia e arte di un palazzo bolognese, Bologna, Patron, 2018, p. 47
  • Giuseppe Coccolini, L'arte muraria italiana. I costruttori gli ingegneri e gli architetti, Bologna, Re Enzo, 2002, p. 157
  • Tiziano Costa, Bologna dalla A alla Z. Enciclopedia della città antica, Bologna, Costa, 2011, p. 247 (G. Mengoni)
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 126
  • Tiziano Costa, Marco Poli, Il Quadrilatero. Cuore antico di Bologna, Bologna, Costa, 1999, pp. 14-15, 33
  • Dal Santerno al Panaro. Bologna e i comuni della provincia nella storia nell'arte e nella tradizione, a cura e coordinamento di Cesare Bianchi, Bologna, Proposta edizioni, stampa 1987, vol. 1., p. 73 (completamento dell'edificio: 1877)
  • Giuliano Gresleri, Giuseppe Mengoni. Il capitolo non scritto dell'architettura moderna, in: Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, pp. 132-143
  • Giuliano Gresleri, Giuseppe Mengoni e l'architettura "importata", in: "Strenna storica bolognese", 43 (1993), pp. 249-264
  • Anna-Maria Guccini, Giuseppe Mengoni. Maestri e allievi conosciuti e inaspettati, in: Attraverso gli archivi di architettura. La trasmissione del sapere. Maestri e allievi lungo la via Emilia, atti a cura di Anna Maria Guccini, Bologna, Provincia – Fontanelice, Comune di Fontanelice. Archivio Museo Giuseppe Mengoni, 2001, pp. 13-38
  • I.S.E.A., Istituto per lo sviluppo economico dell'Appennino centro settentrionale, Itinerari turistico ambientali lungo la vallata del Santerno. Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Fontanelice, s.l., CSSAS, Centro sperimentale per lo studio e l'analisi del suolo, 2007, pp. 83, 105-106, 123-124
  • Erica Landucci, Passeggiata nel Liberty Bolognese, Bologna, Paolo Emilio Persiani, 2020, p. 90
  • Paola Monari, La città che sale. Dalla stazione ai giardini Margherita. Viaggio nella Bologna del Rubbiani (1848-1913), Bologna, Litosab, stampa 1994, p. 19
  • Giorgio Pini, L'architetto Giuseppe Mengoni alla luce di nuovi documenti, in: "Strenna storica bolognese", 1960, pp. 197-211
  • Giancarlo Roversi, Documenti inediti sulla costruzione del palazzo della Cassa di Risparmio in Bologna, in: "Il carrobbio", 2 (1976), pp. 345-360
  • Angela Tromellini, Punti di vista fotografici sulla città. Bologna 1860-1873, in: Norma e arbitrio, cit., p. 64 (data cit.: 1971)
  • Venturi, Tura, Sacilotto. 170 anni di lavorazione del marmo tra Bologna, Pietrasanta e Caracas, a cura di Cecilia Degiovanni e Roberto Martorelli, Bologna, Tip. Moderna, stampa 2011, p. 6, 28 (foto)
  • Visite al Palazzo di Residenza. Tesori d'arte e memorie cittadine, testi a cura di: Giancarlo Roversi, Bologna, Moruzzi studio, stampa 2000 ca, pp. 5-9 (Data posa prima pietra: 18 luglio 1868)
  • Guido Zucchini, La Cassa di Risparmio in Bologna, in: "Strenna storica bolognese", 11 (1961), pp. 99-110