Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1877

La gipsoteca della Scuola archeologica

In occasione del corso inaugurale di archeologia di Edoardo Brizio (1846-1907) all'Università di Bologna, sono effettuati i primi acquisti della gipsoteca annessa alla Scuola archeologica. Entro il 1907 entreranno oltre un centinaio di pezzi, provenienti dai musei di Napoli e Roma, la maggior parte dei quali destinati all'insegnamento della storia dell'arte greca.

Nel 1907, poco dopo la morte di Brizio, sarà acquistata in blocco la Collezione Martinelli, con rilievi dei templi dell'Acropoli di Atene. La gipsoteca sarà ereditata e accresciuta da Gherardo Ghirardini, con opere "assolutamente eccezionali", come l'Hermes di Prassitele e l'Auriga di Delfi. Nonostante il suo parere favorevole a un'apertura al pubblico, l'importante raccolta di calchi del Museo civico verrà usata a lungo solo per scopi didattici universitari.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La gipsoteca del Museo Civico Archeologico (BO) Calchi di statue della Grecia arcaica presso la gipsoteca del Museo Civico... Copia dell Copia dell La testa originale dell Calchi di antiche statue greche nella gipsoteca del Museo Civico Archeologico... Calchi di antiche statue greche nella gipsoteca del Museo Civico Archeologico... Veduta della gipsoteca del Museo Civico Archeologico (BO) Copia di rilievo dell Veduta della gipsoteca del Museo Civico Archeologico (BO)

Approfondimenti:

  • Anna Maria Brizzolara, La gipsoteca e l'insegnamento dell'archeologia, in Dalla Stanza delle Antichità al Museo civico. Storia della formazione del Museo civico archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Giuseppe Sassatelli, Casalecchio di Reno, Grafis, 1984, pp. 465-474
  • Guida al Museo Civico Archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Bologna, Editrice Compositori, 2009, pp. 178-181