Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1877

Capitolato per la concessione di ferrovie a cavalli

Il Consiglio comunale, presieduto dal sindaco Tacconi, approva il capitolato per la concessione delle ferrovie a cavalli tramite trattativa privata. Sono previste sei linee, che dalla centrale piazza Vittorio Emanuele II dovranno raggiungere la nuova stazione ferroviaria e cinque porte della città.

Tra le clausole della convenzione, alcune riguardano i cavalli, che saranno provvisti di finimenti di "decente apparenza", altre le vetture, che dovranno essere "del migliore modello", larghe non più di 2 metri, divise all'interno in compartimenti di prima e seconda classe e provviste di freni.

I cocchieri, invece, dovranno dotarsi di un fischietto o una cornetta per segnalare l'arrivo del tram, la cui velocità non dovrà superare i 12 chilometri all'ora. La gara di appalto sarà vinta dalla società belga Tramways et Chemins de Fer Economiques, che otterrà una concessione di 27 anni, fino al 1904. I lavori per le nuove linee tramviarie avranno però inizio solo nel 1880, tra le vivaci proteste dei cittadini bolognesi.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Giuseppe Brini, Quelli del tramway. Cento anni di vita e di lotta nella città di Bologna, Bologna, Centro Stampa ATC, 1977-1985, vol. I, p. 18
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 219