Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1876

Restauri in palazzo D'Accursio

Nel 1876 iniziano i lavori di restauro in Palazzo D'Accursio. E' interessato il prospetto, attribuito a Fioravante Fioravanti (sec. XV), a destra dell'ingresso principale.

Antonio Zannoni, responsabile dei lavori, opera "con mano lieve e con molto rispetto per il monumento" (Bergonzoni), seguendo criteri più avanzati di quelli del suo tempo.

Si adopera infatti a conciliare il recupero dell'immagine originaria del palazzo con la conservazione delle aggiunte successive.

Vengono rimosse le chiusure dei finestroni del piano nobile e le due cornici incastrate tra essi, comprese le ultime tracce di un affresco, con figure allegoriche (Provvidenza divina e umana, Vittoria e Religione), di Guido Reni (1598), ancora visibile nel 1876, ma non tenuto in considerazione da Zannoni (Zucchini).

Il 29 maggio, in occasione dell'anniversario della battaglia di Legnano (1176), è murata, accanto all'ingresso principale, una lapide dettata da Giosue Carducci.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La facciata del Fioravanti restaurata nel 1876 da A. Zannoni La facciata di Palazzo d Palazzo comunale (BO) - Facciata est - particolare

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Il palazzo comunale, a cura di Giancarlo Roversi, Bologna, Comune di Bologna, 1981, p. 17
  • La Piazza Maggiore di Bologna. Storia, arte, costume, a cura di Giancarlo Roversi, Bologna, Aniballi, 1984, pp. 41-43
  • Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Bologna s'è desta! Itinerario risorgimentale nella città, Argelato (BO), Minerva, 2011, p. 155
  • Guido Zucchini, La verità sui restauri bolognesi, Bologna, Tipografia Luigi Parma, 1959, p. 24