Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1874

Prosciolti i repubblicani arrestati a Villa Ruffi

Il Tribunale di Bologna proscioglie 28 esponenti repubblicani arrestati il 2 agosto nella villa dell'industriale Ercole Ruffi, sul colle di Covignano a Rimini.

Erano lì riuniti pacificamente, su invito dell'ex comandante garibaldino Eugenio Valzania, presente il deputato Aurelio Saffi, per decidere se partecipare o meno alle ormai prossime elezioni politiche. Tra essi vi erano Alessandro Fortis, futura controfigura politica di Giolitti, Federico e Alessandro Comandini, esponenti mazziniani di primo piano.

Lo stesso giorno la Camera di Consiglio del tribunale correzionale di Forlì li aveva imputati di cospirazione contro lo Stato. La mattina seguente gli arrestati erano stati condotti a Rimini, da lì trasferiti in treno a Spoleto e rinchiusi nella locale rocca. Il 9 settembre erano stati trasferiti in manette nel carcere di Perugia.

Nonostante l'esito negativo delle perquisizioni e dei controlli di polizia, gli arresti erano stati confermati, con l'assenso del Presidente del Consiglio Marco Minghetti. La scarcerazione è avvenuta solo il 22 ottobre, a elezioni concluse.

 

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Alessandro Aruffo, Breve storia degli anarchici italiani. (1870-1970), Roma, Datanews, 2004, pp. 43-44


Aldo Berselli, Gli arresti di Villa Ruffi. Contributo alla storia del mazzinianesimo, Milano, G. Intelisano, 1956


Vittorio Emiliani, Libertari di Romagna. Vite di Costa, Cipriani, Borghi, Ravenna, Longo, 1995, pp. 16-17


Liliano Faenza, La retata. Il Convegno di Villa Ruffi. Tra repubblica e anarchia (2 agosto 1874), Rimini, Guaraldi, 1974


Aurelio Saffi, La Consociazione romagnola e gli arresti di Villa Ruffi, rist. dell'ed. originale , Bologna, University Press, 1988


La storia d'Italia, Roma, La Biblioteca di Repubblica, 2005, vol. 25, Cronologia, p. 144