Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1874

Il V Congresso ginnastico, il Concorso Nazionale e L'Esposizione didattico-ginnastica

La Federazione Ginnastica Italiana assegna a Bologna l'organizzazione dl V Congresso e del Concorso Nazionale, che si tiene dal 16 al 20 settembre.

Il Comitato promotore è presieduto dal prof. Adelfo Grosso della Sezionale. Ne fanno parte alcuni notabili, tra i quali Emilio Baumann e il marchese Gioacchino Napoleone Pepoli. Il 15 settembre è stabilita l'apertura della Esposizione didattico-ginnastica.

Lo stesso giorno apre il V Congresso nella sala del Liceo Galvani. Sono oltre 40 le società sportive rappresentate, italiane ed estere. L'Associazione Ginnastica Triestina espone una serie di fotografie della sua sede e acquarelli delle divise.

Diverse autorità portano il loro saluto. Il presidente effettivo Grosso propone di nominare Socio Onorario della Federazione il principe di Carignano.

Il 16 settembre iniziano le attività agonistiche. All'Accademia di Scherma partecipano alcuni giovani che saranno in futuro maestri di fama mondiale: tra essi i bolognesi Zucchi e Valentini. Alla gara del fioretto si susseguono quelle di sciabola e quella col bastone.

Il 17 settembre si tiene la prima gara di ginnastica: una corsa sul viale tra Porta Santo Stefano e Porta Castiglione. Il primo premio è vinto dal bolognese Armando Facchini.

Lo stesso giorno si tiene il Concorso generale di ginnastica, comprendente: esercizi elementari, salti, ascensione sulla pertica, marcia, appoggi, equilibrio, getto della palla.

La Gara Speciale prevede una scelta tra vari esercizi: salto a pié pari, salto della siepe, salto sopra un piede con rincorsa, arrampicata sulla corda, oppure cavallo, parallele, sbarra, getto del peso, corsa veloce.

I bolognesi conquistano l'argento nel salto a piè pari e nel getto della palla con Armando Facchini, e nell'arrampicata con Romano Venturi. Altri vincono varie medaglie di bronzo.

La Società Bolognese di Ginnastica vince il primo premio di sezione, mentre il sesto va alla Scuola Normale di Bologna.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Il mito della V nera, a cura di Achille Baratti, Renato Lemmi Gigli, Bologna, Poligrafici L. Parma, 1972, pp. 46-48