Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1871

La nuova stazione ferroviaria

La nuova stazione ferroviaria, progettata dall'ing. Gaetano Ratti (? - 1913), sorge tra il 1871 e il 1876 sul luogo della prima stazione “sperimentale”, in funzione dal 1859. Al vecchio parco ferroviario vengono aggiunti quattro chilometri di nuovi binari.

Il bugnato del fabbricato viaggiatori richiama quello di palazzo Bevilacqua, mentre le finestre a bifora riprendono quelle di palazzo d’Accursio.

Non molto diverso era il disegno presentato nel 1860 da Giuseppe Mengoni, in occasione della visita a Bologna di Vittorio Emanuele II: un bel progetto, "dichiaratamente ispirato a Palazzo Pitti", per stile e dimensioni.

L'interno dell'edificio sarà sistemato con l'intervento di abili decoratori e l'apporto di pittori come Luigi Busi (1837-1884) per gli affreschi del ristorante, e Luigi Samoggia (1811-1904) per quelli dell'atrio.

La stazione sarà più volte ristrutturata, in particolare nel 1926 e dopo la seconda guerra mondiale, quando la primitiva tettoia metallica verrà sostituita da un pronao porticato.

L'area prospiciente ai fabbricati ferroviari sarà recintata con una cancellata continua fino alla Grande Guerra.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Michelangelo Abatantuono, Luigi Zucchini, Ricordi di rotaie da Bologna a Prato. La grande galleria dell'Appennino compie 90 anni, Castiglione dei Pepoli, Associazione culturale Terra Nostra, Bologna, Regione Emilia-Romagna Assemblea legislativa, 2019, p. 55 (ill.)
  • Archeologia industriale in Emilia Romagna Marche, a cura di Giorgio Pedrocco e Pier Paolo D'Attorre, Cinisello Balsamo, Pizzi, 1991, (foto) p. 117
  • Atlante storico delle città italiane, diretto da Francesca Bocchi e da Enrico Guidoni, Emilia-Romagna, vol. 2., Bologna, tomo 4., Dall'età dei lumi agli anni Trenta, (secoli XVIII-XX), a cura di Giovanni Greco, Alberto Preti, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Grafis, 1998, p. 51
  • G. Bernabei, G. Gresleri, S. Zagnoni, Bologna moderna, 1860-1980, Bologna, Patron, 1984, pp. 27-30
  • Paola Bignami, La cultura dello spettacolo a Bologna, in: ... E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 238
  • Bologna nelle sue cartoline, a cura di Antonio Brighetti, Franco Monteverde, Cuneo, L'arciere, 1986, vol. 2: Vedute della città, pp. 63-66 (foto)
  • Giuseppe Brini, I ferrovieri sulle strade ferrate dell'Emilia-Romagna, Bologna, Dopolavoro Ferroviario di Bologna, 1979, 2 voll., vol. 1, p. 50
  • Il circolo della caccia in Bologna dal 1888 ad oggi. La storia, il palazzo, le opere d'arte, a cura di Giancarlo Roversi, 2. ed. aggiornata, Castel Maggiore, Cantelli Rotoweb, 2001, p. 28 (foto)
  • Giuseppe Coccolini, L'arte muraria italiana. I costruttori gli ingegneri e gli architetti, Bologna, Re Enzo, 2002, p. 157
  • Coscienza urbana e urbanistica tra due millenni, parte I, Fatti bolognesi dal 1796 alla prima guerra mondiale, Bologna, San Giorgio in Poggiale, 11 dicembre 1993-13 febbraio 1994, a cura di Franca Varignana, Bologna, Grafis, 1993, pp. 81, 174-175 (foto)
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 157 (G. Ratti)
  • Franco Cristofori, Bologna. Immagini e vita tra Ottocento e Novecento, Bologna, Alfa, stampa 1978, pp. 374-376
  • Davide Damiani, Fuori porta col vaporino, 1877-1977. Cento anni di trasporti pubblici in provincia di Bologna, Bologna, Atc, stampa 1978, p. 11, 13 (foto)
  • Elena Gottarelli, La stazione ferroviaria di Bologna, in: "Il carrobbio", 8 (1982), pp. 155-162
  • Giuliano Grersleri, La stazione ferroviaria: l'arrivo del treno, in: Atlante Storico delle città italiane. Emilia-Romagna, vol. 2., Bologna, tomo 4., p. 51
  • Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, p. 404 (G. Ratti)
  • Pier Paola Penzo, Identità municipale, sentimento nazionale e trasformazioni urbane. Bologna, Ferrara e Ravenna 1859-1911, in: ... E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 154
  • Pier Paola Penzo, L'urbanistica incompiuta. Bologna dall'età liberale al fascismo, 1889-1929, Bologna, CLUEB, 2009, pp. 17-20
  • Vittoria Toschi, Il nodo ferroviario e la stazione di Bologna, in: Caleidoscopio. Club degli urbanisti ragionevoli, Conversazioni di urbanistica e architettura, Bologna, Pendragon, 1994, p. 13