Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1871

Il Museo Civico nel Palazzo della Morte

In occasione del V Congresso internazionale di Antropologia e Archeologia Preistoriche, il sindaco Camillo Casarini inaugura solennemente il nuovo Museo Civico, ricavato in cinque sale del Palazzo della Morte (ex Ospedale della Morte o Palazzo Galvani), direttamente collegate all'Archiginnasio.

Allestito dal prof. Ariodante Fabretti, direttore del museo egizio di Torino ed eroe del Risorgimento, l'istituto comunale ospita la parte antica della collezione Palagi e alcune tombe etrusche scavate da Antonio Zannoni alla Certosa. La sistemazione museale e l'opera di Zannoni suscitano generale ammirazione e meraviglia tra gli studiosi.

Nel 1873 Luigi Frati e Francesco Rocchi prepareranno una nuova disposizione del museo, prevedendo la demolizione dei muri dell'oratorio al piano terra. Nel 1878 una convenzione sancirà il passaggio al Comune delle raccolte artistiche universitarie.

In previsione di un nuovo grande museo, il palazzo Galvani sarà allargato dallo stesso ing. Zannoni con due bracci su via Foscherari e via Marchesana.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Bologna. Guida di architettura, progetto editoriale e fotografie di Lorenzo Capellini, coordinamento editoriale di Giuliano Gresleri, Torino, U. Allemandi, 2004, p. 165
  • Paola Foschi, Arte e storia nel Quadrilatero, in: Piazze e mercati nel centro antico di Bologna. Storia e urbanistica dall'età romana al Medioevo, dal Rinascimento ai giorni nostri, a cura di Roberto Scannavini, Bologna, Grafis, 1993, p. 209
  • Le meraviglie di Bologna, vol. 6.: La Certosa, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1993, p. 23
  • Cristiana Morigi Govi, Il Museo Civico del 1871, in Dalla Stanza delle antichità al Museo civico. Storia della formazione del Museo civico archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Giuseppe Sassatelli, Casalecchio di Reno, Grafis, 1984, pp. 259-267
  • Il museo civico archeologico di Bologna, a cura di Cristiana Morigi Govi, Daniele Vitali, Imola, University press Bologna, 1982, p. 13
  • Pier Paola Penzo, Identità municipale, sentimento nazionale e trasformazioni urbane. Bologna, Ferrara e Ravenna 1859-1911, in: ... E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, pp. 152-153
  • Gian Marco Vidor, Biografia di un cimitero italiano. La Certosa di Bologna, Bologna, Il mulino, 2012, p. 183