Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1871

Fondazione del Fascio Operaio

Il 27 novembre un gruppo di ex garibaldini reduci dalla campagna di Francia si riunisce in una sala dell'albergo e ristorante delle Tre Zucchette, in via della Canepa, a pochi passi da Piazza Maggiore. Il loro scopo è

“fondare una società di lavoratori che, prescindendo dalle gare politiche e religiose, corrispondesse in miglior modo delle esistenti ai bisogni urgenti della classe operaia, e avvisasse i mezzi di rendere possibile l'unione e la solidarietà fra tutti i lavoratori d'Italia e delle altre nazioni per attingere quella forma e quella potenza, atte a sciogliere la mondiale questione sociale, l'emancipazione, cioè, della parte più generosa e più sventurata dell'umanità: quella del proletariato”.

Il nuovo Fascio Operaio, associazione di liberi pensatori, è guidato da Erminio Pescatori (1836-1905), attore e capocomico della Compagnia Parmense e attivista repubblicano, da tempo in contatto con l'agitatore anarchico russo Michail Bakunin.

Secondo l'autorità pubblica l'organizzazione clandestina è composta "di un esercito di cosmopoliti, reclutato nei bassifondi dell'ignoranza". E' la prima forma che assume in Emilia l'Associazione dell'Internazionale.

Entro la fine dell'anno raccoglie oltre cinquecento soci. Tra essi il giovane anarchico imolese Andrea Costa, allievo di Carducci.

Avrà presto anche l'adesione di Giuseppe Garibaldi, che il 5 dicembre, in un dispaccio da Caprera, si dirà orgoglioso del “prezioso titolo di socio” del Fascio.

La sede è posta in via Castiglione 1137, al secondo piano di palazzo Pepoli.

Il 27 dicembre 1871 esce il primo numero de "Il Fascio operaio", settimanale internazionale diretto da Pescatori, che entra subito in polemica con il giornale repubblicano e conciliatorista "L'Alleanza". Costa figura tra i redattori.

Il 2 marzo 1872 "Il Fascio" si fonderà con "Il Romagnolo", organo dell'Associazione Repubblicana.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Almanacco del centenario. Bologna: 1859-1959, Bologna, Due Torri - STEB, 1959
  • Gli antifascisti, i partigiani e le vittime del fascismo nel Bolognese, 1919-1945, Bologna, Comune – ISREBO, vol. I, Nazario Sauro Onofri, Bologna dall'antifascismo alla Resistenza, 2005, pp. 126-127, 141
  • Luigi Arbizzani, Giornali repubblicani bolognesi tra il 1867 e il 1874, Bologna, Atesa, 1977, p. 13
  • Luigi Arbizzani, Sguardi sull'ultimo secolo. Bologna e la sua provincia, 1859-1961, Bologna, Galileo, 1961, pp. 36-37
  • Luigi Arbizzani, La stampa periodica socialista e democratica nella provincia di Bologna, 1860-1926, a cura di Maria Chiara Sbiroli, Bologna, Compositori, 2014, pp. 52-56 (data di fondazione del Fascio Operaio: 4 dicembre 1871)
  • Alessandro Aruffo, Breve storia degli anarchici italiani. (1870-1970), Roma, Datanews, 2004, p. 32
  • Furio Bacchini, Un laico dell'Ottocento. Andrea Costa libero muratore, libero pensatore, socialista libertario,
    Imola, La mandragora, 2001, p. 85
  • Alberto Bassoli, Il Fascio operaio di Bologna e l'origine del socialismo italiano, in: "Il carrobbio", 4 (1978), pp. 41-74
  • Alberto Bassoli, La nascita dell'Internazionale a Bologna, in: "Bollettino del Museo del Risorgimento", atti del convegno di studi su "la Comune", Bologna, 1977
  • Aldo Berselli, Bologna nello stato unitario, in Storia illustrata di Bologna, a cura di Walter Tega, Milano, Nuova editoriale Aiep, 1990, vol. IV, p. 30
  • Bologna nell'Ottocento, a cura di Giancarlo Roversi, Roma, Editalia, 1992, p. 30
  • Bologna nelle sue cartoline, a cura di Antonio Brighetti, Franco Monteverde, Cuneo, L'arciere, 1986, vol. 2: Vedute della città, p. 33 (Foto: Albergo Tre Zucchette)
  • Franco Cristofori, Bologna come rideva. I giornali umoristici dal 1859 al 1924, Bologna, Cappelli, 1973, pp. 104-105
  • Dal Santerno al Panaro. Bologna e i comuni della provincia nella storia nell'arte e nella tradizione, a cura e coordinamento di Cesare Bianchi, Bologna, Proposta edizioni, stampa 1987, vol. I, p. 76
  • Pier Paolo D'Attorre, La politica, in Renato Zangheri, Bologna, Roma, ecc., Laterza, 1986, p. 78
  • L'Emilia Romagna com'era. Alberghi, caffè, locande, osterie, ristoranti, trattorie. Sulle tracce di un passato recente alla riscoperta dei segni mutati o cambiati di una secolare tradizione d'ospitalità, a cura di Alessandro Molinari Pradelli, Roma, Newton Compton, 1987, pp. 19-20 (foto: albergo delle Tre Zucchette)
  • Vittorio Emiliani, Libertari di Romagna. Vite di Costa, Cipriani, Borghi, Ravenna, Longo, 1995, p. 57

  • Nazario Galassi, Vita di Andrea Costa, Milano, Feltrinelli, 1989, p. 56
  • Lilla Lipparini, Alle origini del socialismo, in: Bologna nell'Ottocento, a cura di Giancarlo Roversi, Roma, Editalia, 1992, pp. 152-153
  • Giorgio Maioli, Giancarlo Roversi, Protagonisti a Bologna. Commercio e turismo, Bologna, GrafikMax Editrice, 1990, p. 29 (Albergo Tre Zucchette)

  • Nazario Sauro Onofri, 1892: il PSI a Bologna. Origine e nascita del movimento socialista, Bologna, Grafia, 1992, p. 13
  • Angiolo Silvio Ori, Bologna raccontata. Guida ai monumenti, alla storia, all'arte della città, Bologna, Tamari, stampa 1976, p. 370
  • Giancarlo Roversi, Bologna ospitale. Storia e storie degli alberghi della città dal Medioevo al Novecento, Bologna, Costa, 2004, pp. 138-139 (Albergo e ristorante deklle Tre Zucchette)
  • Storie di Case del Popolo. Saggi, documenti e immagini d'Emilia-Romagna, a cura di Luigi Arbizzani, Saveria Bologna, Lidia Testoni, Casalecchio di Reno, Grafis, 1982, p. 35, 37 (foto: ristorante e albergo delle Tre Zucchette in piazza Nettuno)
  • Su, compagni, in fitta schiera. Il socialismo in Emilia-Romagna dal 1864 al 1915, a cura di Luigi Arbizzani, Pietro Bonfiglioli, Renzo Renzi, Bologna, Cappelli, 1966, pp. 58-59
  • Fiorenza Tarozzi, Politica e società: i primi cinquant'anni di Bologna nel Regno unitario, in: ... E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 28
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 39, 111