Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1865

Relazione sulle "bonificazioni"

A tre anni dall'inchiesta sulle paludi promossa nel 1862 dal ministro dell'Agricoltura Gioacchino Napoleone Pepoli (1825-1881), il marchese Raffaele Pareto (1812-1882), ingegnere idraulico e ispettore statale, pubblica la relazione Sulle Bonificazioni, Risaie ed Irrigazioni del Regno d'Italia.

I terreni della pianura bolognese sono suddivisi “in sofferenti di scolo, in continuamente pressapoco sommersi, ed in terreni sottoposti a bonificamento per colmata”.

L'estensione dei terreni sommersi è di circa 3.000 ettari e altrettanta è quella dei terreni in corso di bonificazione, Le terre paludose occupano circa 30.000 ettari.

Per il risanamento delle valli impaludate occorrono opere immense - costruzione di alti argini e scavo di grandi canali scolatori - con l'impiego di notevoli capitali e nuovi strumenti tecnici.

Nella bassa padana l'opera di riduzione delle terre umide in terre da semina, con lo sviluppo di nuove più moderne aziende capitalistiche, è appena iniziata.

Le trasformazioni fondiarie saranno accompagnate dalle lotte dei lavoratori agricoli - braccianti senza terra, scariolanti, plebe afflitta da povertà, fame, ignoranza e malaria - per l'affermazione di condizioni di vita più dignitose.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Luigi Arbizzani, Sguardi sull'ultimo secolo. Bologna e la sua provincia, 1859-1961, Bologna, Galileo, 1961, pp. 24-25