Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1863

Castiglione de' Gatti diventa Castiglione dei Pepoli

Con decreto del 29 marzo Castiglione de' Gatti cambia nome in Castiglione dei Pepoli.

Il borgo fu acquisito nel 1340, assieme alle terre circostanti, dai figli di Taddeo Pepoli, dopo la cessione della signoria di Bologna ai Visconti.

Nel nome Castiglione de' Gatti sembra che i felini non c'entrino per niente. Si tratta probabilmente dell'evoluzione del termine di origine celtica gat, che significa bosco o foresta.

Il feudo di Castiglione, un tempo degli Alberti di Mangone, fu possedimento intangibile dei Pepoli fino all'arrivo di Napoleone, enclave protetta dall'autorità imperiale entro le terre del papato.

Sulla piazza principale del paese domina l'austero Palazzo della Ragione, dove regnò Giovanni Pepoli, fatto sopprimere in modo atroce da papa Sisto V nel 1585, perché accusato di connivenza coi briganti dell'Appennino.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Palazzo dei conti Pepoli poi Palazzo Comunale - Castiglione dei Pepoli (BO) Palazzo dei conti Pepoli poi Palazzo Comunale - Castiglione dei Pepoli (BO) Palazzo dei conti Pepoli poi Palazzo Comunale - Castiglione dei Pepoli (BO) Castiglione dei Pepoli (BO) - la piazza Palazzo dei conti Pepoli poi Palazzo Comunale - Castiglione dei Pepoli (BO) Castiglione dei Pepoli (BO) - il corso e la parrocchiale

Approfondimenti:

  • Atlante bolognese. Dizionario alfabetico dei 60 comuni della provincia, Bologna, Poligrafici Editoriali, 1993, p. 122
  • Umberto Beseghi, Castelli e ville bolognesi, Bologna, Tamari, 1957, pp. 189-191