Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1861

Il Salone del Risorgimento di palazzo Pizzardi

Iniziano i lavori per la sistemazione di un salone dedicato al Risorgimento nel palazzo del marchese Luigi Pizzardi in via D'Azeglio.

Della parte decorativa è incaricato Gaetano Lodi, mentre i dipinti - "opere grandiose di pittura e sentimento italiano" - sono affidati a diversi artisti della nuova Accademia Reale di Belle Arti, come Alessandro Guardassoni (Pier Capponi e Carlo VIII), Antonio Puccinelli (Ritratto di Carlo Alberto ad Oporto), Luigi Busi (Cavour che arringa alla Camera e Presentazione a Vittorio Emanuele II dei risultati dei plebisciti di annessione), Giulio Cesare Ferrari (Napoleone III) e altri.

La quadreria rimarrà a palazzo Pizzardi almeno fino al 1887, quando la sua rimozione sarà sollecitata dalla nuova proprietà dello stabile, la Società Italiana per le Strade Ferrate Meridionali.

Nel corso del secolo il Salone del Risorgimento accoglierà mostre d'arte, conferenze e concerti. Vi terrà le sue prime riunioni la Società del Quartetto di musica da camera.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Alessandro Guardassoni e i fratelli Gualandi: esperienze e sperimentazioni bolognesi nell'800 tra fisica, fotografia, architettura e volontariato, a cura di Silvia Battistini, Bologna, Galleria d'arte d'Azeglio, 2000, p. 15
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 3., pp. 305-306
  • Claudia Collina, Il "Salone del Risorgimento" di Luigi Pizzardi, mecenate. Nascita di una galleria privata, in Collezionisti a Bologna nell'Ottocento: Vincenzo Valorani e Luigi Pizzardi, a cura di Claudio Poppi, Casalecchio di Reno, Grafis, 1994, pp. 67-92
  • Claudia Collina, Sicuramente europei. Linguaggi visivi e temi unitari a Bologna e Ferrara, in E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, pp. 90-97
  • Maria Cristina Marchetti, Carlo D'Onofrio, Palazzo Legnani Pizzardi, Casalecchio di Reno, Grafis, 1991, p. 175, 189
  • Claudio Poppi, Ozi privati e pubbliche virtù: dall'evasione nel paesaggio ideale all'impiego nella storia patria, in Collezionisti a Bologna nell'Ottocento, cit., p. 12 sgg.
  • Giulia Zucchini, Giulia Sagramola, Margherite per il marchese, Bologna, Giannino Stoppani, 2011, p. 23