Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1860

La Regia Deputazione di Storia Patria

Il governatore dell'Emilia Luigi Carlo Farini istituisce, su proposta del Ministro dell'Istruzione Pubblica Antonio Montanari, la Regia Deputazione di Storia Patria per le Provincie Romagnole, con sede a Bologna.

Essa ha il compito di segnalare e registrare i luoghi "ove esistono le raccolte di antichi documenti" e scegliere quelli che "possono concorrere ad illustrare la Storia Patria".

Primo presidente è lo storico e archeologo Giovanni Gozzadini (1810-1887). Le riunioni si svolgono inizialmente nel teatro anatomico dell'Archiginnasio e in seguito nel Palazzo Boncompagni, in via Del Monte. Giosue Carducci sarà segretario dal 1865 e quindi a sua volta presidente dal 1887.

Faranno parte di questa benemerita istituzione specialisti quali Alfonso Rubbiani (dal 1883), Raffaele Faccioli, titolare della nuova Soprintendenza ai monumenti e l'archeologo e storico dell'arte ravennate Corrado Ricci.

Attraverso spunti storici, "suggestioni epico-letterarie", interventi architettonici, la Deputazione si impegnerà nella rivalutazione della storia e delle tradizioni medievali delle provincie romagnole: San Marino, Polenta, Gradara, Pomposa saranno tra i luoghi di interesse, spesso legati al soggiorno dantesco.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La chiesetta di Polenta (FC) cara a Dante Alighieri La chiesa romanica di Pomposa (FE) Affreschi trecenteschi nella navata centrale della chiesa dell

Approfondimenti:

  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. III, pp. 18-19
  • La Certosa di Bologna. Un libro aperto sulla storia, Bologna, Museo civico del Risorgimento, 23 maggio - 5 luglio 2009, a cura di Roberto Martorelli, Bologna, Tipografia moderna, 2009, p. 226 (G. Gozzadini)
  • Giuseppe Coccolini, Sviluppo edilizio-urbanistico in Bologna da Napoleone alla Prima Guerra mondiale. Cronologia degli avvenimenti più importanti, in "Strenna storica bolognese", XLV (1995), pp. 161-189
  • Andrea Emiliani, Bologna. Cronache dal vivere, Argelato, Minerva, 2013, p. 134
  • Fiamma Lenzi, Archeologia e amor di patria: protagonisti, fatti e politica prima e dopo l’unificazione del paese, in E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 298
  • Marco Poli, Cose d'altri tempi 2. Frammenti di storia bolognese, Argelato, Minerva, 2011, pp. 117-118
  • Lo Studio e la città: Bologna 1888-1988, a cura di Walter Tega, Bologna, Nuova Alfa, 1987, p. 308
  • Marco Veglia, La vita vera. Carducci a Bologna, Bologna, Bononia University Press, 2007, p. 92, 95
  • Guido Zucconi, La ripresa del Medioevo nella “Bologna riabbellita” di fine Ottocento, in: Miti e segni del Medioevo nella città e nel territorio. Dal mito bolognese di re Enzo ai castelli neomedievali in Emilia-Romagna, a cura di Maria Giuseppina Muzzarelli, Bologna, CLUEB, 2003, pp. 52-57