Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1859

La Guardia provvisoria

Un decreto del 14 giugno istituisce la Guardia provvisoria della città di Bologna, agli ordini del Comandante in capo delle guardie urbane conte Angelo Tattini (1823-1878), marito di Carolina Pepoli.

Essa si compone di due battaglioni, formati ciascuno da quattro compagnie di 150 uomini. Il servizio è prestato gratuitamente. Sono ammessi cittadini tra i 17 e i 31 anni, provvisti di fede di battesimo e certificati penale e sanitario.

Il 20 giugno il primo dei due battaglioni della Guardia entrerà in servizio in città. Il 20 luglio il commissario Cipriani istituirà anche a Bologna la Guardia Nazionale, con mansioni di sicurezza e per controbilanciare la presenza di numerosi corpi garibaldini.

Successivi decreti uniformeranno l'ordinamento della Guardia Nazionale delle Romagne, di cui Bologna fa parte, a quello del Regno di Sardegna. La Guardia sarà sciolta nel 1877 in seguito alla riorganizzazione generale dei corpi militari.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 4., pp. 157-158
  • Camillo Caleffi, La Lega Militare dell'Italia centrale, in: Il 1859-'60 a Bologna, Bologna, Calderini, 1961, pp. 203-204
  • Giovanni Maioli, Dopo cent'anni: Bologna 12 giugno 1859, in: Il 1859-'60 a Bologna, cit., 1961, pp. 126-127
  • Giuseppe Carlo Rossi, La guardia provvisoria e la liberazione di Bologna, in: Il 1859-'60 a Bologna, cit., pp. 130-147

  • Gianluca Stanzani, Guardie nazionali e Guardie civiche, in: Mariagrazia Esposito, Gianluca Stanzani, Persicetani uniti. Storie e uomini del Risorgimento bolognese (1815-1871), San Giovanni in Persiceto, Maglio, 2011, p. 162