Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1857

La Società Nazionale Italiana

Daniele Manin (1804-1857) e Giuseppe La Farina (1815-1863) fondano a Torino la Società Nazionale Italiana, al fine di coordinare i movimenti cospirativi liberali presenti nei vari stati della penisola.

Essa riassume il suo programma nel motto: “Guerra all'Austria, Vittorio Emanuele re d'Italia”. Il conte di Cavour ne sarà la guida occulta.

A questa associazione segreta aderisce subito il movimento promosso a Bologna dal marchese Luigi Tanari (1820-1904), che propugna un regno d'Alta Italia egemonizzato dal Piemonte sabaudo.

Nel 1858 sarà costituito in città un Comitato segreto, che diverrà centro esclusivo d'azione per Bologna e le Romagne.

Con la creazione della Società Nazionale viene a rompersi l'equilibrio tra le due maggiori formazioni politiche che lavorano per l'unità italiana: quella monarchico-costituzionale e quella repubblicana.

Il partito moderato prende il sopravvento a Bologna, come nel resto d'Italia. Molti seguaci di Mazzini aderiscono all'idea di “trasformare la guerra del Piemonte in guerra italiana”, affascinati dalla brillante opera diplomatica di Cavour.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Proclama della Società Nazionale Italiana - Museo del Risorgimento (BO)

Approfondimenti:

  • Arianna Arisi Rota, Geografia della cospirazione. Reti patriottiche fra dissenso e sovversione nella Romagna tardo-pontificia, in: La Romagna nel Risorgimento. Politica, società e cultura al tempo dell'Unità, a cura di Roberto Balzani, Angelo Varni, Roma-Bari, Laterza, 2012, pp. 104 sgg.
  • Aldo Berselli, La situazione politica a Bologna e nelle Legazioni dal 1857 al 12 giugno 1859, in: Il 1859-60 a Bologna, Bologna, Edizioni Calderini, 1961, pp. 83-84
  • Giovanni Maioli, Moderati e partito d'azione nel 1860 a Bologna e nelle Romagne, in: Il 1859-'60 a Bologna, Bologna, Calderini, 1961, pp. 331-332

  • Carlo Manelli, La Massoneria a Bologna dal XII al XX secolo, Bologna, Analisi, 1986, pp. 69-70
  • Umberto Marcelli, Le vicende politiche dalla Restaurazione alle annessioni, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., p. 100
  • Gida Rossi, Bologna nella storia nell'arte e nel costume, Sala Bolognese, Forni, 1980, p. 648
  • Giuseppe Carlo Rossi, La guardia provvisoria e la liberazione di Bologna, in: Il 1859-'60 a Bologna, Bologna, Calderini, 1961, p. 137
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 35