Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1849

Capitolazione di Venezia

Dopo una lunga resistenza, bombardata e assediata per mare e per terra e sfinita dalla fame e dal colera, Venezia è costretta alla capitolazione.

Il feldmaresciallo austriaco Radetzky intima la resa senza condizioni, concedendo la partenza a tutti coloro che vogliono lasciare la città e l'aministia ai soldati e agli ufficiali, che hanno preso parte alla difesa.

Quello diretto da Daniele Manin e Niccolò Tommaseo è stato il più duraturo tra i governi democratici italiani, nati dalle ribellioni del 1848.

Tra le vittime bolognesi dell'ultimo periodo vi sono Francesco Pigozzi, ufficiale di Stato Maggiore, e Angelo Manservisi.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Guglielmo Pepe e i comandanti della difesa di Venezia - Lapide a Venezia Giuseppe Sirtori rifiutò la resa di Venezia - Lapide a Venezia Alessandro Poerio poeta napoletano morto durante la difesa di Venezia -... Casa natale di Daniele Manin - Venezia - Ramo Astori Muro abbattuto da una bomba austriaca a Venezia nel 1848 - ricostruito nel 1920 La difesa di Venezia - particolare - Torre monumentale di San Martino della...

Approfondimenti:

Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 2., p. 180


Ugo Pesci, I bolognesi nelle guerre nazionali, a cura della Federazione fra le Società militari della città e Provincia di Bologna, Bologna, Zanichelli, 1906, pp. 112-113


Giovanni Spadolini, L'Italia repubblicana, Roma, Newton Compton, 1988, pp. 173, 177-178 (ill.)


La storia d'Italia, Roma, La Biblioteca di Repubblica, 2005, vol. 25, Cronologia, p. 82


Nerio Zanardi, Capitoli bolognesi della storia d'Italia. Da Irnerio a Carducci, Bologna, Patron, 1997, p. 379