Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1849

Angelo Masini muore combattendo a Roma

Il patriota bolognese Angelo Masini (1815-1849), da tutti chiamato Masina (e in dialetto Masejna) muore a Roma al Casino dei Quattro Venti, nei pressi di Villa Pamphili, combattendo contro i Francesi nella Legione italiana di Garibaldi.

Il casino, "solidissimo e circondato da giardino intersecato da folti boschetti", era sulla linea del principale attacco portato dal generale Vaillant verso il Gianicolo e dominava le mura occidentali, attorno a porta San Pancrazio.

La sua conquista era dunque vitale e qui i garibaldini e i bersaglieri italiani attaccarono con accanimento, conquistando e perdendo più volte la posizione.

Masini ha partecipato al moto del 1831, riparando quindi in Spagna per combattere i Sanfedisti. Allo scoppio della Prima Guerra di Indipendenza si è arruolato con i Cacciatori dell'Alto Reno di Livio Zambeccari e successivamente, con proprie sostanze, ha promosso il corpo dei Volontari della Morte (o Volontari democratici), con il quale è accorso accanto a Garibaldi a difesa della Repubblica Romana.

Per il suo eroismo il generale l'ha promosso colonnello. Masini ha incarnato la figura tipica del capitano di ventura risorgimentale, che combatte e mette in gioco la propria vita non per denaro, ma per ideali di giustizia e libertà. Carducci lo paragonerà all'eroe greco Patroclo.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Busto di Angelo Masini - Cimitero della Certosa (BO) Tomba di Angelo Masini - particolare - Cimitero della Certosa (BO)

Approfondimenti:

  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, v. 2., p. 146
  • Gabriella Ciampi, Roma: la difesa del 1849, in: Il 1848, la rivoluzione in città, a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 2000, p. 101
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 123
  • Gian Carlo Muccio, Angelo Masini. Il bolognese soldato del “popolo” e “campione della santa causa” del Risorgimento, in: Il Risorgimento a Bologna, a cura di Giuseppe Maria Mioni e Marco Poli, Bologna, Studio Costa, 2010, pp. 71-83
  • Roberto Nannetti, Angelo Masini e i lancieri della morte, Bologna, a cura del Museo del Soldatino, 2000
  • Gli oggetti del Museo civico del Risorgimento, a cura di Otello Sangiorgi e Mirtide Gavelli, Bologna, Tipografia Metropolitana, 2015, p. 35
  • Ugo Pesci, I bolognesi nelle guerre nazionali, a cura della Federazione fra le Società militari della città e Provincia di Bologna, Bologna, Zanichelli, 1906, pp. 96-99
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 206
  • Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Bologna s'è desta! Itinerario risorgimentale nella città, Argelato (BO), Minerva, 2011, p. 248
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 136