Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1846

La deludente politica del cardinale Gizzi

Il 1° agosto il cardinale Pasquale Gizzi, considerato un saggio amministratore, sostenitore del progresso sociale, è nominato Segretario di Stato al posto del cardinale Lambruschini, decaduto alla morte di Gregorio XVI.

Le speranze popolari per un rapido varo di riforme, capaci di far fronte alla grave crisi economica e sociale in corso, andranno però deluse. La circolare emanata da Gizzi il 24 agosto, da un lato promette miglioramenti, dall'altra esclude chiaramente l'introduzione di principi di stampo liberale: il Papa si dichiara contrario ad adottare "certe teorie inapplicabili".

In settembre Marco Minghetti risponderà al documento del Segretario di Stato suggerendo rimedi urgenti, tra i quali la creazione di pattuglie cittadine per la sorveglianza notturna della città e per la prevenzione di delitti e furti. A pochi mesi dall'elezione di Pio IX, il Legato Vannicelli Casoni ammetterà l'incapacità del governo di comprendere i bisogni dei suoi sudditi.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Aldo Berselli, Da Napoleone alla Grande Guerra, in: Storia di Bologna, direttore Renato Zangheri, vol. 4., tomo 1., Bologna, Bononia University Press, 2010, pp. 40-41
    Viaggio a Rossini, a cura di Luigi Ferrari, Bologna, Nuova Alfa, 1992, p. 64