Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1844

La spedizione dei fratelli Bandiera e lo scultore Pacchioni

I fratelli Attilio ed Emilio Bandiera, ufficiali della marina austriaca conquistati alle idee mazziniane, alla notizia di una sollevazione popolare in Calabria, partono dalla loro base a Corfù.

Il 16 giugno sbarcano, assieme a diciassette compagni, alla foce del fiume Neto, quando oramai la rivolta è conclusa. Decidono di continuare comunque l'impresa, ma vengono traditi dal brigante Pietro Boccheciampe (1814-1887), loro compagno d'avventura.

Inseguiti dalle guardie civiche borboniche, sono catturati dopo un conflitto a fuoco alle porte di San Giovanni in Fiore. Assieme ad altri sette compagni sono fucilati nel Vallone di Rovito il 25 luglio.

Davanti alla corte marziale di Cosenza compaiono anche due bolognesi, l'artigiano Tommaso Mazzoli (1823-1852), di venti anni, e lo scultore Giuseppe Pacchioni (1819-1887), di ventisei.

Condannato alla pena capitale, Pacchioni avrà commutata la pena nell'ergastolo e rimarrà in prigione fino al 1848. Sarà di nuovo arrestato a Bologna dopo il tentativo mazziniano del 1853, e rinchiuso nelle carceri dell'Abbadia.

Dopo aver rifiutato una proposta di grazia nel 1857, in occasione della visita a Bologna di IX, sarà liberato il 12 giugno 1859 e portato in trionfo dai suoi concittadini. Come scultore è tra l'altro l'autore del monumento ai Bandiera, inaugurato a Cosenza nel 1876.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Monumento funebre a Giuseppe Pacchioni - Cimitero della Certosa (BO) Monumento funebre a Giuseppe Pacchioni - Cimitero della Certosa (BO) - part. Monumento funebre a Giuseppe Pacchioni - Cimitero della Certosa (BO) - part. I fratelli Bandiera e Domenico Moro veneziani furono fucilati nel Vallone di... Lapide a ricordo dei fratelli Bandiera e di D.Moro - Venezia - Campo Bandiera... Il Circolo Garibaldi con le lapidi dei fratelli Bandiera e di G. Oberdan -...

Approfondimenti:

  • Giulio Cavazza, Cospirazioni e moti risorgimentali dal 1831 al 1845 nei ricordi di Augusto Aglebert, in: Negli anni della Restaurazione, a cura di Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2000, p. 152, 155, nota 58, 160
  • La Certosa di Bologna. Un libro aperto sulla storia, Bologna, Museo civico del Risorgimento, 23 maggio - 5 luglio 2009, a cura di Roberto Martorelli, Bologna, Tipografia moderna, 2009, pp. 212-215, 224-225
  • Carlo Manelli, La Massoneria a Bologna dal XII al XX secolo, Bologna, Analisi, 1986, p. 150
  • Ugo Pesci, I bolognesi nelle guerre nazionali, a cura della Federazione fra le Società militari della città e Provincia di Bologna, Bologna, Zanichelli, 1906, pp. 43-44
  • Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Bologna s'è desta! Itinerario risorgimentale nella città, Argelato (BO), Minerva, 2011, p. 243
  • Gida Rossi, Bologna nella storia nell'arte e nel costume, Sala Bolognese, Forni, 1980, pp. 576-577
  • La storia d'Italia, Roma, La Biblioteca di Repubblica, 2005, vol. 25, Cronologia, pp. 62-63