Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1844

Il manicomio di Imola

Su impulso del medico Cassiano Tozzoli (1785-1863) e con l'appoggio del vescovo Mastai Ferretti, futuro papa Pio IX, è aperto a Imola un nuovo manicomio, il primo in Romagna.

Il luogo è chiamato "Asilo" ed è dotato di 80 posti letto. Accoglie ammalati dall'ospedale di S. Maria della Scaletta di Imola, ma presto anche dalle province di Forlì, Ravenna e Ferrara.

Nel 1869 l'istituto verrà ampliato, a cura del prof. Luigi Lolli (1819-1896), direttore dell'ospedale civile e su progetto dell'arch. Carlo Cipolla di Napoli. I lavori termineranno nel 1880.

Il nuovo manicomio è formato da una serie di padiglioni indipendenti, disposti su tre linee parallele, ed è capace di 800 posti letto.

Nel 1890 sarà creato l'ospedale psichiatrico "Osservanza", con degenti soprattutto romagnoli. Nel 1897 la sede adiacente a Santa Maria della Scaletta sarà acquisita dalla Provincia di Bologna e diventerà Ospedale psichiatrico provinciale "Luigi Lolli", con ammalati provenienti dall'area bolognese.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

Storia di Imola illustrata. Storia, itinerari, musei, testi di Aureliano Bassani, Andrea Ferri, illustrazioni di Alberto Alvoni, Bologna, Hitstudio, 2003, p. 19